Indro Montanelli,
la Storia è lui

Grande annusatore delle nostre virtù, pochissime, e dei nostri vizi, tantissimi, ci ha detto meglio di chiunque chi siamo stati e chi siamo. Con lucidità, con fermezza, con l’incedere altero, senza infingimenti, senza mai abbassare gli occhi, senza mai piegare la schiena. Se finì a terra, una volta, fu perché gli spararono

Davide D'Alessandro

Email:

filosofeggiodunquesono@gmail.com

9 Maggio 2018 alle 14:51

Indro Montanelli,la Storia è lui

Indro Montanelli

Vado in edicola al mattino e incontro ancora Indro Montanelli, Montanelli e Dante, Montanelli e il Duce, Montanelli e i secoli bui, Montanelli e i secoli d’oro, Montanelli e la Storia d’Italia, la Storia sua e di Roberto Gervaso, sua e di Mario Cervi, sua e degli studenti italiani che l’hanno sempre preferita a quella dei parrucconi, degli accademici buoni a scrivere per loro e tra di loro, mai per gli altri. Anch’io, da studente, la preferivo di gran lunga al libro di testo, anzi la sostituivo al libro di testo, la studiavo al posto del libro di testo, ma senza dirlo, per essere brillantemente promosso. Bastava dirlo, o solo anche farsi scoprire mentre sbirciavo tra le sue pagine, perché il professore, sempre fazioso e di sinistra, arricciasse il naso, storcesse la bocca, incupisse lo sguardo.

Che strana, l’Italia, e che strani, gli italiani! Nessuno quanto lui (anzi solo Prezzolini e Longanesi con lui), ne ha colto e rappresentato i tic, le manie, l’intima essenza. Grande conoscitore o, meglio, annusatore delle nostre virtù, pochissime, e dei nostri vizi, tantissimi, ci ha detto meglio di chiunque chi siamo stati e chi siamo. Con lucidità, con chiarezza, con l’incedere altero, senza infingimenti, senza mai abbassare gli occhi, senza mai piegare la schiena. Se finì a terra, una volta, fu perché gli spararono. Ma si rialzò e perdonò. Gli piacerebbe questo articolo se scrivessi, come scrivo, che quei vizi li aveva anche lui, li coltivava e li combatteva, narciso impenitente, toscanaccio inimitabile, italiano a modo suo, polemista insuperato, moralista neppure per idea.

Non è vero, caro De Gregori, che la storia siamo noi. La Storia, quella d’Italia e del giornalismo italiano, è Montanelli. Ritrovarlo in edicola, in libreria, in tutte le edizioni possibili, è ancora un inno alla scrittura, a come si pensa prima di scrivere, a cosa si pensa mentre si scrive, a come si apre un pezzo, a come lo si conduce, a come lo si chiude. Montanelli non avrebbe mai fondato una scuola di scrittura, a mo’ di un Baricco qualsiasi, perché si può insegnare a leggere, non a scrivere. La sua lezione gratuita è a disposizione di tutti. Basta aprire una vecchia copia del Giornale, (ri)leggere un suo articolo a caso, e restare stupiti e ammirati ogni volta di più. Montanelli non scriveva. Montanelli era ed è la scrittura. E se non ci fosse la sua firma, in coda al pezzo, sarebbe lo stesso. Riconoscibilissimo poiché diverso da tanti, diverso da tutti. Autenticamente Indro. Anzi Cilindro. Come all’anagrafe. E mi manca, quanto mi manca! Perché non posso più leggerlo, ma solo (ri)leggerlo. E non posso più essere promosso, (ri)studiandolo, perché la scuola è finita. Resta la vita, finché resta. Una cosa leggermente più seria.

Davide D'Alessandro

Davide D'Alessandro

Insegno Ermeneutica filosofica all'Università di Urbino Carlo Bo, PhD in Etica e filosofia politico-giuridica, saggista e consulente filosofico. Scrivo libri (i più recenti: Intervista a Machiavelli, con Antonio De Simone, e La vita del potere, Morlacchi Editore), scrivo sui libri, sui loro autori, per interpretare e trasformare. Filosofeggio dunque sono.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    10 Maggio 2018 - 00:12

    Purtroppo Montanelli non ha fatto scuola! Anche perché la Scuola si rassegnò a non "farsi scuola" ma a far politica finendo incapace di sfornare dei Montanelli. Eppure l'esigenza del giornalismo vero c'è ed anzi aumenta con l'aumentare delle enormi problematiche esistenziali che ci coinvolgono tutti fin dal primo notiziario del mattino. Chissà come titolerebbe, il toscanaccio, questi nostri astrusi giorni

    Report

    Rispondi

    • Davide D'Alessandro

      10 Maggio 2018 - 09:09

      Provo a indovinare il titolo: Comunque ci pentiremo

      Report

      Rispondi

  • carloalberto

    09 Maggio 2018 - 19:07

    Non è vero che si chiamasse Cilindro. E va detto che qualche balla l'ha raccontata: per esempio che i polacchi caricavano i tedeschi con le lance, che lui incontrò Hitler, che quella ungherese del 1956 fosse una rivoluzione dentro il comunismo.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    09 Maggio 2018 - 17:05

    Se noi gli italiani studiassimo la storia e magari leggessimo i libri di Montanelli, Prezzolini, Artieri, Longanesi, etc, sicuramente avremmo un livello culturale migliore.

    Report

    Rispondi

Servizi