Meglio allearsi che fare la guerra: Netflix entra nel pacchetto Sky

Redazione

Disney, Fox o Comcast? Non è ancora chiaro di chi sarà la proprietà di Sky, di certo è che c’è molto movimento intorno alla tv satellitare in mano a Murdoch, che fa gola a molti player internazionali del settore entertainment. Ultima in ordine di tempo l’emittente via cavo americana Comcast, che ha offerto 25 miliardi per l’acquisizione: offerte e controfferte che somigliano molto a una guerra. E quando è difficile combattere, e il mercato è molto competitivo, una delle strade possibili è allearsi: è quello che ha deciso di fare Sky, è lo scopo dell'operazione Vivendi-Mediaset, con il tentativo di Vincent Bolloré di creare un polo "latino" di diffusione di contenuti multimediali. Il mancato acquisto di Mediaset Premium è finito in tribunale, mentre oggi la tv satellitare ha annunciato una partnership con Netflix in Europa, la prima al mondo nel suo genere. Nel vecchio Continente i rapporti erano già strutturati e aperti, basti pensare alle serie originali della piattaforma di streaming trasmesse in esclusiva sul pacchetto degli abbonati al satellite. Ma si trattava di accordi commerciali e non di integrazione dei contenuti: adesso tutto il bouquet di serie, film e documentari della compagnia fondata e guidata da Reed Hastings farà il suo ingresso nella nuova piattaforma Sky Q. Prima toccherà a Regno Unito e Irlanda, a cui seguiranno Italia, Germania e Austria, per poi arrivare a tutti gli abbonati dei cinque paesi europei in cui Sky è presente.

 

Sky renderà disponibile la vastità dell’offerta Netflix ai clienti nuovi ed esistenti creando un pacchetto TV di intrattenimento ad hoc, che per la prima volta raggrupperà sotto lo stesso tetto i contenuti Sky e Netflix. Agli attuali clienti di Netflix verrà offerta inoltre la possibilità di migrare il proprio account nel nuovo pacchetto Sky TV, usufruendo della schermata Q, o accedere all’app Netflix utilizzando i dettagli dell’account esistente. L’alleanza riguarda anche i servizi senza abbonamento di Sky, come NOW Tv.

 

La novità è stata annunciata dai vertici di Sky, compreso l’amministratore delegato di Sky Italia Andrea Zappia, che ha parlato di “una tappa rivoluzionaria. Così Sky Q diventa la piattaforma dove è possibile trovare tutti i migliori contenuti di intrattenimento al mondo e siamo felici che Netflix abbia scelto Sky come partner europeo”, mentre il ceo del gruppo Sky Jeremy Darroch ha rivendicato il ruolo di leadership “come fornitori della migliore esperienza di visione ed esperienza utente in Europa”. Anche il ceo di Netflix Reed Hastings si è detto soddisfatto.

 

L’accordo sembra un win-win. Da un lato la piattaforma di streaming raggiungerà infatti oltre 20 milioni di persone in più, dall’altro Sky aggiunge decine di migliaia di contenuti: la strategia per entrambi è crescere in clienti e ricavi, cercando di non abbassare troppo il prezzo degli abbonamenti, vero valore aggiunto dell'offerta di Sky. Non ci sono dettagli sull’accordo commerciale ed è presto per sapere se ci saranno anche produzioni condivise. Andare avanti insieme, si può, ma fino a un certo punto. Comcast, Fox o Disney, poco importa chi sarà il nuovo proprietario. Il mercato va avanti e in fondo è meglio allearsi che combattere una guerra dolorosa. 

This page might use cookies if your analytics vendor requires them.