Il suicidio del bel paese

Parla Blangiardo: “Presto caleremo a 400 mila nascite”. Istat: “Mai così pochi bimbi dall’Unità d’Italia”

14 Giugno 2018 alle 06:00

Il suicidio del bel paese

Foto pexels.com

Roma. “L’Italia sta morendo” ha commentato ieri il Forum delle associazioni famigliari. In nove anni, l’Italia ha perso 120 mila nuove nascite all’anno, pari a una città delle dimensioni di Bergamo.    Successe tutto all’improvviso. Nel giro di pochissimi anni, la storia demografica dell’Italia cambiò. Prima il repentino baby boom di quei fantastici anni Sessanta (dalle 910 mila nascite del 1960, al picco del milione e 16 mila nel 1964), poi l’inesorabile declino: 901 mila bambini nel 1970, 640 mila...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi