cerca

Viva gli studenti, eddai!

Forse a salvarci dal disastro del governo socio-populista e destituito dei congiuntivi saranno i ragazzi, con le loro belle orecchie d’asino

12 Ottobre 2018 alle 21:02

Viva gli studenti, eddai!

Studenti in piazza a Roma contro il governo (foto LaPresse)

Forse ha ragione il mio amico Giuliano: a salvarci dall’orda indigesta, passabilmente idiota epperò minacciosa del #MeToo sarà un (presunto) stupratore, e pure seriale, come Cristiano Ronaldo. Chissà. Ma se l’ipotesi è azzeccata e il metodo funziona, possiamo avanzarne un’altra: a salvarci dal disastro del governo socio-populista e destituito dei congiuntivi saranno gli studenti, con le loro belle orecchie d’asino. I quali studenti delle superiori, da decenni, una Pantera dopo l’altra, non ne hanno azzeccata una di protesta e il più delle volte si sono tirati le okkupazioni sui piedi, sostenendo gli interessi dei sindacati parrucconi e contestando le riforme utili. Però stavolta, hai visto mai? Più di 70 mila studenti, in oltre cinquanta città, hanno manifestato contro la manovra del governo, sollecitando interventi per il diritto allo studio. Nel nostro piccolo glielo avevamo suggerito, e vanno presi un tantino sul serio. Per la prima volta gli stanno davvero rubando il futuro, per la prima volta gli stanno davvero rubando le pensioni e pure l’alternanza scuola-lavoro, e stanno mettendo su un disastro anche tra i banchi.

  

 

A Torino (foto sopra) alcuni creativi del movimento hanno bruciato manichini raffiguranti i due vicepremier, Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Cose che non si vedevano più dai tempi della Falcucci, o della Gelmini. Il truce dell’Interno ha subito eccepito: “E’ una cosa schifosa”. Non sbaglia: quando bruciano il tuo faccione il segnale è che il vento di piazza, prima o poi, potrebbe cambiare. Due pupazzi bruciati non fanno rivoluzione, ma danno soddisfazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    13 Ottobre 2018 - 12:12

    Catalano direbbe che se sono vecchio è perchè sono stato giovine .Ebbene si . si sa che il cervello umano è costituito da due masse sx e dx con diverse funzioni ,così da milioni di anni. Avvenne che i giovani del dopo il boom e in particolare nel 68 riuscirono a unificare le due masse pensando che con tale operazione l'intelligenza aumentasse di due volte. Novelli Franckestein ci riuscirono a mezzo ,quando le due masse entrarono in contato fu come avviene in elettricità mettendo in contato polo positivo e negativo scoppiò la scintilla e loro pensarono che fosse la scintilla dell'inizio del pensiero ,la scoperta della cosa in sè ,come poi tentò di raccontarlo E.Kant dopo i tentativi di molti altri. In effetti i due poli in contato fecero cortocircuito saltò la valvola centrale e fu il buoi e il pensare da frenetico mise il freno a mano. Mi pare ricordare che fù Vattimo a scoprirlo con la sua illuminate ( fiat lux) scoperta del pensiero debole.

    Report

    Rispondi

  • Caterina

    Caterina

    13 Ottobre 2018 - 12:12

    Mai sottovalutare e sorridere di questo tipo di episodi.

    Report

    Rispondi

  • verypeoplista

    verypeoplista

    13 Ottobre 2018 - 10:10

    "Per la prima volta..." (moltiplicato x 3): sono passati decenni dalla mia terza elementare a Roma e a dicembre, di ogni anno successivo scolastico, ero già arrivato al quarto maestro supplente....Da circa dieci anni gli ex studenti e, quindi laureati e/o diplomati, hanno trovato il loro futuro nel mondo e fuori dall'Italia (è da un pezzo che hanno rubato il futuro ai giovani)...C'è chi difetta nei congiuntivi oggi, chi difettava nel governare da Gianburrasca come hanno fatto nella "troika" Le-Re-Ge portandoci più poveri rispetto al 2008. I motivi per i quali scioperare, in ottobre come d'uso da 40 anni, da parte degli studenti ci sono stati e ci sono: oggi però bruciano e schiumano di rabbia perchè gli sciccosi li esaltano. Una volta si diceva "l'elefante nella resistenza" e oggi "Brutti,sporchie cattivi" siamo diventati tutti dei "Ettori Scola" in sedicesimo.

    Report

    Rispondi

  • tenen314

    13 Ottobre 2018 - 06:06

    "Per la prima volta gli stanno davvero rubando il futuro, per la prima volta gli stanno davvero rubando le pensioni ...". Per la PRIMA VOLTA ?! Davvero ?! Su internet è facile reperire un simpatico grafico, che mostra l'andamento del debito pubblico italiano negli ultimi 50 anni: sempre crescente. Da decenni in Italia tutti i governi hanno dovuto elargire a destra e manca prebende e sussidi per garantirsi il consenso degli elettori (anche questa è democrazia). Se questo non assolve gli attuali governanti ed il loro programma, dovrebbe almeno tranquillizzare Crippa & company: miliardo più o miliardo meno, l'Italia continua la sua traballante navigazione senza cambiare la rotta. Quanto agli studenti, quale inaspettato fenomeno naturale li avrebbe catapultati fuori dal loro fisiologico, adolescenziale sonno della ragione, per renderli protagonisti (nientedimeno) della gloriosa e temibile battaglia che viene loro proposta - fra gli altri - dal Foglio? Mi devo essere perso qualcosa ...

    Report

    Rispondi

Servizi