cerca

Il garantismo sussiste ancora (cincin!). Sala e l’Expo

Il gup Giovanna Campanile si è pronunciata contro il rinvio a giudizio di Beppe Sala (oggi sindaco) per fatti, che “non sussistono”, di quando era Mr. Expo

29 Marzo 2018 alle 21:01

Il garantismo sussiste ancora (cincin!). Sala e l’Expo

Foto LaPresse

Ma sì, dai! Dopo verrà il diluvio, il nero regno del neo manettarismo populista, e persino il dott. Davigo o un suo derivato al ministero della Giustizia. Ma c’è ancora un attimo, uno scampolo di bella stagione, e allora godiamoci questi saldi di garantismo, questa ultima luce prima dell’inverno dei Torquemada. E poi oggi è Venerdì Santo, ne basta uno di Condannato che non ha avuto un giusto processo. Allora bene: “Non luogo a procedere”. Qui a Milano, il gup Giovanna Campanile si è pronunciata contro il rinvio a giudizio di Beppe Sala (oggi sindaco) per fatti, che “non sussistono”, di quando era Mr. Expo in camicia bianca. La storia è quella tragicomica, se la vedete dal punto di vista di come lavorano i pm d’assalto, dell’appalto della  Piastra dei servizi dell’Expo. Si trattava di velocizzare alcune procedure, affinché l’evento si riuscisse a fare, e i tempi erano stretti, vi ricorderete. Bene, Sala è stato prosciolto “perché il fatto non sussiste”. Tutta la storia non la stiamo a ricapitolare, è lunga, complicata e vagamente kafkiana. Secondo l’accusa Sala aveva “violato”  il  Codice degli appalti eccedendo nel potere di deroga  per la fornitura di  seimila alberi. Un bosco di malaffare. Ma niente, ancora per un poco, in Italia vige l’idea che se un manager pubblico porta casa bene e senza pasticci un risultato, ha soltanto fatto il suo dovere. Cin cin. (Ah, buona Pasqua anche a Gianni Barbacetto e a tutti quelli della lunga Quaresima dell’Illegalità).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi