cerca

Discutere sull'eresia papale

Il documento antiereticale, adversus haereses, ha un segno per così dire tremendo, ma in direzione canonica e non apocalittica. Non è una cenciata di tradizionalisti o sedevacantisti fanatizzati da ostracizzare e delegittimare

9 Maggio 2019 alle 06:16

Discutere sull'eresia papale

Papa Francesco (foto LaPresse)

Io accuso il Papa di essere un eretico, delitto canonico. Cioè uno che mette in dubbio o nega la verità di fede fondata sulla divina rivelazione cristiana, in aspetti essenziali, con pertinacia, costanza, coerenza, consapevolezza, in parole e opere. Faccio appello ai successori degli apostoli, ai vescovi, affinché lo inducano al mea culpa o, in alternativa, lo separino dalla chiesa, lo considerino deposto. Accipicchia. Il documento dei teologi, filosofi, canonisti e altri uomini di chiesa e di pensiero non è cosa di tutti i giorni. E non è una cenciata di tradizionalisti o sedevacantisti fanatizzati, un foglio di ciclostile online nel circuito delle lotte di potere vaticane. Lo ha firmato tra gli altri un domenicano di Cambridge, Aidan Nichols, un settantenne piuttosto rispettato nella sua figura e nell’abito tradizionale, lana bianca cotta di lino e cappa nera, teologo ai Blackfriars, priorato fondato nel 1238. Di Nichols avevo letto una breve monografia sulla teologia di Ratzinger, aperta da un lungo prologo di geografia storica bavarese (Ratzinger è bavarese) tutto incentrato sul profilo speciale del casato reale dei Wittelsbach, la più antica dinastia d’Europa, per dire di uno studioso e della sua non banale curiositas antropologica, uno che connette la storia e il carattere di una dinastia con la struttura e lo sviluppo di una teologia.

  

Il documento antiereticale, adversus haereses, ha un segno per così dire tremendo, ma in direzione canonica e non apocalittica (Francesco è un Papa che ha sbroccato, non necessariamente un Anticristo). E’ ben scritto, chiaro anche per i profani, e segue uno schema apodittico, nei due sensi possibili e ambiguamente compresenti del termine: (a) giudizio dimostrativo logicamente fondato, (b) enunciato di assoluta evidenza al di là di ogni dubbio. Leggendolo e rileggendolo, in base ai riferimenti di dottrina della fede, sembra di essere tornati ai tempi del Concilio di Trento della riforma cattolica o controriforma (seconda metà del Cinquecento), se non di san Paolo (Primo secolo dell’èra cristiana). Avete presente la procedura, il tono dogmatico e inquisitoriale, sia detto in senso storico e senza il sovraccarico oggi negativo legato ai due termini? Cose così: chiunque affermi questo e questo – e segue la delineazione precisa di una proposizione eretica – anathema sit. Per il nostro saltabeccante e indulgente relativismo culturale, una bella lezione in contraddittorio. Ci sono parole, affermazioni, che valgono la loro stessa condanna; almeno per chi intende custodire un deposito di fede nella tradizione. Il mondo certo va in tutt’altra direzione e da parecchio, quella del libero pensiero e dell’esperimento sensibile, ma vedere all’opera nel presente una rigorosa lingua delle definizioni e della loro congruità rispetto ai misteri e alle certezze della fede, devo dire, è emozionante come una riscoperta.

  

L’informazione di regime, e anche il Vaticano è a suo modo un regime, ha voluto minimizzare per ostracizzare, per delegittimare, per evitare di discutere con chi accusa il Papa di eresia. Allo scopo, ci ha comunicato che i cacciatori di eresia sono i soliti bacchettoni, incapaci di capire il valore pastorale della scelta indulgente, misericordiosa, di Francesco in materia di morale, e in particolare di morale matrimoniale e sessuale (chi sono io per giudicare?). Dicono i portavoce del Papa, e tra loro fior di giornalisti laici, che questi bigotti sono ossessionati dal sesso, e perciò non capiscono quanto sia importante integrare appieno nella chiesa, eucaristia compresa, fedeli che vivono per svariati motivi in stato adulterino rispetto a un matrimonio canonico e sacramentale fallito, e altri fedeli che si uniscono in coppie omosessuali, e varie altre schiere di pansessualisti fuori dal matrimonio, insomma non capiscono il famoso testo papale della Amoris laetitia, seguito come esortazione apostolica a due drammatici sinodi su famiglia, matrimonio e sesso in cui la chiesa si è divisa, voto contro voto, su tali spinose questioni.

 

Ci torneremo in una seconda puntata, anche con l’aiuto di un celebre conte russo, ma intanto andiamo al dunque. Il Papa è accusato di eresia per aver predicato sette proposizioni, innanzitutto.

 

Prima proposizione. Se hai la grazia che ti giustifica, che ti salva, puoi però non avere la forza di rispettare i comandamenti, la legge divina, perché la grazia da sola, in un individuo, non ha invariabilmente e per sua natura la forza sufficiente a produrre la sua conversione da seri peccati.

 

Seconda proposizione. Un credente cristiano può conoscere la legge e volontariamente violarla in questione seria, senza per questo risultare in peccato mortale.

 

Terza proposizione. Ubbidendo alla legge, è possibile che una persona pecchi contro Dio in virtù di quella stessa obbedienza.

 

Quarta proposizione. In coscienza puoi giudicare come moralmente giusto, o perfino comandato da Dio, un insieme di atti sessuali tra persone che sono civilmente sposate, nonostante che una di loro o entrambi siano sacramentalmente sposate con altra persona.

 

Quinta proposizione. E’ falso che gli unici atti sessuali moralmente giusti siano quelli tra marito e moglie. 

 

Sesta proposizione. La legge divina e naturale non dètta proibizioni assolute in relazione a certi tipi di azione che sono intrinsecamente trasgressive per il loro stesso oggetto.

 

Settima e ultima proposizione. Dio non solo permette, ma vuole che esistano un pluralismo e una diversità delle religioni, cristiane e non cristiane.

 

Come vedete, solo la quarta e la quinta proposizione incriminate per eresia riguardano direttamente il sesso e il matrimonio e l’adulterio. La prima, la seconda, la terza, la sesta e la settima hanno un altro oggetto, non riguardano direttamente la pastorale matrimoniale o la morale sessuale, bensì il centro della questione teologica che separa un cattolico da un protestante. Lutero, il cui genio teologico è indiscutibile, fissò un dogma nel momento in cui metteva sottosopra i sacramenti, la messa e il sacerdozio ovvero pilastri della chiesa cattolica romana. E questo dogma, diciamo così, era semplice o semplificabile: non ti salvi per obbedienza alla legge, attraverso le opere, perché l’uomo è iustus et peccator, è una figura ambivalente di giusto e di peccatore irriducibile, e si salva solo per la fede in Cristo crocifisso, solo per la grazia; e solo ricorrendo alla scrittura e al suo libero esame, altro che sacramenti, sono stabilite le condizioni di questa salvezza ultraterrena (sola fide, sola gratia, e sola scriptura). Ora, la chiesa cattolica ha sempre affermato più o meno l’opposto (notate il “più o meno”, che è una mia affettazione di personale modestia e più che modestia teologica). Riassumendo, in particolare riferendosi alla prima proposizione: la grazia divina per sua natura e invariabilmente, secondo i cattolici, dà all’uomo la forza di emendarsi dal peccato e ubbidire alla legge attraverso le opere, cooperando con essa attraverso i sacramenti e l’osservanza morale, e così conquistando la salvezza (quando la chiesa aveva bisogno di soldi si aggiungevano le indulgenze venali, certificati costosi ma utili al salto dal purgatorio al paradiso). L’uomo cattolico non è quella stupenda costruzione ancipite, lo iustus et peccator di Lutero, è un peccatore che coopera alla sua redenzione nell’ubbidienza alla legge divina e naturale, emendandosi, confessandosi, pentendosi, riconciliandosi attraverso la sua chiesa e con l’aiuto dell’ordine consacrato. La comunità, la predica scritturale, il pastore e la coscienza individuale, per quanto essa sia lo specchio della legge naturale iscritta nel cuore umano, non bastano. Per una prima puntata va bene così. Non credete a chi vi dice che i teologi tradizionalisti sono dei bacchettoni orripilati dal sesso: sono cattolici rigorosi convinti del fatto loro, abbiano o no tutte le pezze d’appoggio necessarie per accuse tanto temerarie, che è un’altra cosa. Quanto al sesso, quarta e quinta proposizione, ci divertiamo alla seconda puntata.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • stearm

    09 Maggio 2019 - 17:05

    La secolarizzazione? Paradigma obsoleto. La scienza moderna ha riempito un vuoto, lasciato proprio dalla lotta contro le eresie portata avanti dai Padri della Chiesa, i quali hanno eliminato dall'ortodossia l'esperienza mistica che era presente nel pensiero cristiano delle origini. Tommaso in pratica è il predecessore di Cartesio. Certo dal momento che si preferisce ignorare tutto questo, poi si finisce ad incolpare il Sessantotto della fine del cristianesimo. Ecco magari se si rivalutassero le eresie post-testamentarie, le chiese si riempirebbero di nuovo, altrimenti è meglio il revival dell'evangelismo, che appunto cerca di ricreare l'atmosfera mistica senza Dio però. L'Islam, a modo suo, è rimasto più vicino all'esperienza mistica, basta entrare in una moschea per capirlo.

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      09 Maggio 2019 - 18:06

      Egregio, i mistici fanno una bruttissima fine nell'Islam (un po' meno in quello genericamente sciita, ma forse quello è più esoterismo) non appena fanno i mistici sul serio. Altrimenti fanno i sufi, che sono quietisti (di solito, i Safawidi, che hanno imposto con la forza l'uniformità sciita sull'Iran, erano una setta sufi...). Guardi Al-Hajiajii, per dire di uno mistico sul serio.

      Report

      Rispondi

      • stearm

        09 Maggio 2019 - 20:08

        Mi riferisco al sentimento religioso dell'essere umano in quanto tale. Ma appunto se ci riduciamo a citare nomi per parlare di Dio vuol dire che il sentimento religioso è già compromesso.

        Report

        Rispondi

  • giuseppek

    09 Maggio 2019 - 17:05

    L'argomento presentato da Ferrara e il modo originale di proporlo a puntate è così intrigante che mi induce - anche in un momento di difficoltà economica - a rinnovare il mio abbonamento in scadenza oggi. (Scusate la leggerezza)

    Report

    Rispondi

  • mtferrari

    09 Maggio 2019 - 15:03

    "la secolarizzazione è la lenta fine della religione sconfitta dalla scienza e della conoscenza" .....ma se urlo e prima che l'eco mi ridia l'urlo muoio. Le onde dell'urlo palpitano ancora. Domani la scienza sicuramente capterà queste onde ..... ed allora !!!

    Report

    Rispondi

  • calamandrei

    09 Maggio 2019 - 13:01

    La secolarizzazione è la lenta fine della religione sconfitta dalla scienza e dalla conoscenza. Che sia un fatto positivo o negativo si può discutere, ma è irreversibile. Forse è un peccato che accada quando altre religioni sono ben lontane dallo stesso fenomeno. Può perfino costituire un rischio. Ma, sinceramente, sperare di avere valori forti da contrapporre , tanto per capirci, all Islam e alle intolleranti e inaccettabili norme di quella religione , molte delle quali sono assolutamente simili alle prescrizioni presenti nella bibbia, è contro la storia. La questione è questa, nel mio ateismo integralistico ( lo ammetto) , Quali valori dobbiamocomsiderare indiscutibili per noi, come renderli realmente forti senza ricorree a Dio,

    Report

    Rispondi

    • joepelikan

      09 Maggio 2019 - 16:04

      Ma lei sa cos'è la scienza? Dubito fortemente. Semmai i nemici della religione sono lo scientismo, come quello di molti atei, ovvero l'ignoranza radicale dei fondamenti metafisici della possibilità stessa di conoscere. Lo scientismo è una delle peggiori superstizioni della nostra epoca. Si diffonde perché gli scienziati, intesi come persone affamate di comprensione, stanno, ahimé, scomparendo, sostituiti da tecnici della scienza affamati di volontà di potenza: dei super-ingegneri ignoranti di tutto il resto. Questo degrado culturale, che inizia nelle Università e che ha voce pubblica in virtù della potenza della tecnica (potenza che è cumulativa ma che ha ben poco valore epistemico), è uno dei maggiori pericoli della contemporaneità.

      Report

      Rispondi

      • Skybolt

        09 Maggio 2019 - 17:05

        Egregio joe, ma queste sono polemiche antiche, antiche proprio. Nessuno scienziato pensa più che il metodo scientifico porti a verità assolute una volta per tutte, almeno dalla fine del XIX secolo. Lo scientismo non è che il modo con cui si chiama la scienza quando i suoi risultati (evoluzione....per esempio) danno fastidio alla propria visione. E guardi che io sono pagano, ma il paganesimo è compatibile con la scienza, le religioni rivelate, no. E non su questioni di morale (che per il 90 per cento sono questioni di morale della riproduzione, ci ha fatto caso?) ma proprio su questioni fondamentale. Considero tentativi come quello di Teilhard de Chardin eroici, ma funzionano solo se si rifonda il cristianesimo, per dire. Poi, il cristianesimo ha pure il problema autoinflitto di basarsi su un dio infinito ma personale (si è incarnato), immanente (storico) ma trascendente, onnipotente, onniscente e infinitamente buono ma pure giusto. Contraddizioni ne conseguono. Stop, fine predica.

        Report

        Rispondi

        • joepelikan

          10 Maggio 2019 - 01:01

          Caro Skybolt, se non lo pensano è perché si ritengono già detentori della verità, quindi la verità in sé non gl'interessa. Semmai gli interessa la Macht.

          Report

          Rispondi

        • danieledisalvo

          09 Maggio 2019 - 18:06

          Dissento: 1) Il Cristianesimo è perfettamente compatibile con la scienza; 2) non vi è nessuna contraddizione. Disponibile a un pubblico dibattito.

          Report

          Rispondi

    • ferdipec

      09 Maggio 2019 - 15:03

      Amico mio, non ci può essere una morale senza Dio. O almeno non una da poter contrapporre a quella islamica.

      Report

      Rispondi

      • Skybolt

        09 Maggio 2019 - 17:05

        Scommettiamo?

        Report

        Rispondi

        • ferdipec

          10 Maggio 2019 - 14:02

          Come vuoi. A me però il salame piace

          Report

          Rispondi

Mostra più commenti

Servizi