cerca

Grillo parlante

Dal suo blog interviene per ricordare cosa va correttamente inteso per reddito di cittadinanza. Un ragionamento che definire regressivo è fin tropo poco

10 Marzo 2018 alle 06:15

Grillo parlante

Foto LaPresse

Beppe Grillo nel movimento da lui creato, insieme alla Casaleggio Associati, ha un po’ il ruolo della voce della verità su quello che il movimento deve rappresentare. Ogni tanto interviene in modo da richiamare tutti ai loro doveri verso i princìpi del movimento stesso, implacabile. Oggi probabilmente teme che Pinocchio Di Maio possa finire preda del gatto e la volpe e da garante si fa Grillo parlante per ricordare cosa va correttamente inteso per reddito di cittadinanza.

Il ragionamento, diciamo, che espone sul suo blog è in fondo lineare: “E’ il reddito che ti include nella società, non il lavoro. Abbiamo l’idea che l’uomo non possa far altro che lavorare, che sia la sua finalità ultima avere un lavoro. Niente di più sbagliato. Abbiamo abitato questo pianeta con una moltitudine di ordini sociali, i quali per la maggior parte, soprattutto agli albori della nostra storia, non prevedevano nessun cartellino da timbrare o reddito da esporre. Le risorse ci sono, ci vuole solo la volontà politica”. Tornare agli albori della nostra storia. Definire regressivo un ragionamento del genere è fin troppo poco anche se non propone il ritorno alle caverne, ovviamente. Fa solo un pasticcio fra Toni Negri, Serge Latouche e gli ecologisti estremi, ma è chiaro che questo pericoloso pasticcio è il suo programma. Infatti l’ha semplicemente ripubblicato, il testo risale a prima delle elezioni. Ora, dopo i risultati, non resta che attendere i pareri di Michele Emiliano, di Pif, di Massimo Franco e dei professori Ignazi, Pasquino e De Masi che lo definiranno un interessante sviluppo dei Grundrisse, sul quale la sinistra ha il dovere di confrontarsi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Skybolt

    11 Marzo 2018 - 20:08

    Gentilissimo, lei ci scherza, ma il fatto è che è vero... E' un concetto che ha le sue radici nelle Grundrisse (non solo), come quelli di cui scriveva Toni Negri da là venivano. Che Marx fosse altro che il Capitale se ne era accorto già Sorel... Che poi tutto sia alquanto campato per aria, d'accordo, ma non perchè Marx non c'entri. Anzi.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    10 Marzo 2018 - 20:08

    Il nodo, caro Bordin, è che la sinistra s'è ridotta a definire tale, cioè a legittimare col suo imprimatur antropologicamente superiore, anche il primo imbecille che passi nei suoi paraggi. Ha sentito D'Alema che sentenzia, dal basso della sua trombatura, che il M5S non può essere definito populista perché, prova del nove, tanta sinistra lo ha votato? Lo stesso che chiamò la Lega "una costola della sinistra". Altro che essere di bocca buona e di idee aperte. Qui siamo all'osceno come standard del linguaggio politico.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    10 Marzo 2018 - 18:06

    'Le risorse ci sono' - quelle prodotte da chi lavora - 'ci vuole solo la volontà politica' - di espropriarle per versarle ai parassiti a 5 stelle - e a quelli rossi che presto accorreranno al banchetto.

    Report

    Rispondi

  • fiorevalter

    10 Marzo 2018 - 16:04

    come non essere d'accordo! sopratutto sulle ultime 3 righe :)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi