Il regime autoritario e la pasta scotta

Andrea Marcenaro

E' quella che ti tocca mangiare quando sei troppo preso a misurare le privazioni quotidiane alla tua libertà

Mi hanno tolto un pezzetto di libertà ieri, un altro pezzetto ho avuto la sensazione fisica che me lo stessero sottraendo nelle ultime ore. Ho seguito, ovviamente, com’era stata calpestata la Costituzione la prima volta. Ho dovuto di nuovo controllare la stangata contro i miei diritti sferrata oggi. E insomma, per farla corta: così duro ha colpito il potere, che a me è toccato di vigilare intensamente concentrandomi solo sui soprusi illiberali. Sarà stato meno grave che subire il confino, forse, ma a causa del regime autoritario mi si è scotta la pasta.

Di più su questi argomenti:
  • Andrea Marcenaro
  • E' nato a Genova il 18 luglio 1947. E’ giornalista di Panorama, collabora con Il Foglio. Suo papà era di sinistra, sua mamma di sinistra, suo fratello è di sinistra, sua moglie è di sinistra, suo figlio è di sinistra, sua nuora è di sinistra, i suoi consuoceri sono di sinistra, i cognati tutti di sinistra, di sinistra anche la ex cognata. Qualcosa doveva pur fare. Punta sulla nipotina, per ora in casa gli ripetono di continuo che ha torto. Aggiungono, ogni tanto, che è pure prepotente. Il prepotente desiderava tanto un cane. Ha avuto due gatti.