cerca

C'è di peggio delle parole di Di Maio?

Le uscite del ministro e ciò che temiamo davvero

25 Marzo 2020 alle 06:00

 ’O guaglione al naturale

Adoriamo Guido Vitiello, la sua simpatia, la sua bella cultura e la sua rubrica sul Foglio, che aveva anche ieri ragioni da vendere nonché, come al solito, deliziosamente formulate: “Un proclama recente del nostro comandante Analfa, Luigi Di Maio, esprime con candida dabbenaggine il circolo vizioso per cui, a misura che cresce l’anarchia dei governanti, si pretende l’obbedienza dei governati: ‘Più qualcuno sarà irresponsabile, più metteremo altre norme ferree’”, aveva infatti sparacchiato Giggino.

 

E stava soprattutto, l’eleganza di Vitiello, nel polemizzare con l’assurdità dei suoi concetti. Errati. Eppure umani. Laddove noi, più incivili, non saremmo riusciti. Temiamo infatti ogni giorno, mentre il virus straparla, che ’o guaglione possa uscire al naturale: “Mascherarsi, lo capisco pure, ma tutta questa voglia di lamponi?”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    25 Marzo 2020 - 19:49

    Quant’è grillino inside. Minaccia gli altri con norme ferree quando lui ha iniziato a rispettare quelle standard molto dopo essere passato dall’altra parte della barricata.

    Report

    Rispondi

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    25 Marzo 2020 - 11:49

    Giggino , l'uomo di Pechino.

    Report

    Rispondi

  • maropadila

    25 Marzo 2020 - 11:12

    E costui fa il ministro degli Esteri (la minuscola è voluta).

    Report

    Rispondi

Servizi