cerca

recensioni foglianti

Cavalli di razza

John Jeremiah Sullivan
66thand2nd, 250 pp., 18 euro

31 Ottobre 2018 alle 09:12

Cavalli di razza

Per gli uomini lo sport è il modo più semplice per rimanere legati ai propri padri. Funziona come un cassetto dei ricordi che si apre e tira fuori infanzia e nostalgia, aiuta a sentirsi figli anche da adulti. E’ una tradizione arcaica che si rinnova, Freud e i suoi complessi non sono riusciti a scalfirla neanche un po’. In Cavalli di Razza John Jeremiah Sullivan racconta la biografia di suo padre e l’eredità spirituale che i genitori lasciano in sorte al sangue del proprio sangue.
Mike è un giornalista sportivo, suo figlio come atleta è una delusione. Da piccolo gioca a baseball, lo sport preferito di suo padre, ma non è bravo e non gli piace, poi sceglie il taekwondo, “ma non c’era nessuno con cui volevo combattere e avevo paura del dolore”. Suo padre lo osserva in silenzio. “Se stavo facendo tutto questo per compiacerlo, lui non diede mai a vedere che ci tenesse ai miei risultati. Non ricordo nessun silenzio risentito dopo una sconfitta, solo una sensazione di sollievo perché almeno era finita”. Poi John è cresciuto, le radici sono diventate più sottili. Era stato doloroso, non poteva farci niente. Una notte, John è seduto al capezzale di suo padre in fin di vita. Vuole che gli racconti una storia, ciò che si ricorda dopo tutti quegli anni di sport, Muhammad Ali, Michael Jordan e John McEnroe. Sa che le occasioni si stanno esaurendo. Mike inaspettatamente e inspiegabilmente gli parla del Kentucky Derby, la corsa di cavalli purosangue. John non conosce niente di quel mondo, ma la morte di suo padre lo spinge a esplorare un mondo di cui lui non sa niente. Cavalli di razza, tradotto in italiano da Gabriella Tonoli, non è solo la storia di un padre (“Che farsa, che villania cercare di raccontare la storia di una vita”), è anche la storia del rapporto tra uomini e cavalli, civiltà e natura. “Ci capita ancora di vedere nella natura qualcosa di spaventoso o a noi superiore? La Natura non ci spaventa più: a spaventare è l’idea di aver trionfato su di essa, e il significato a lungo termine di questo trionfo – il giorno in cui, troppo tardi, capiremo che noi eravamo la natura, e che il nostro trionfo è stato un suicidio. Ecco che cosa simboleggia il cavallo selvaggio: lo strano potere di chi è sia indifeso sia indispensabile”. La relazione tra uomini e cavalli è vecchia quanto il mondo, nessuno è ancora riuscito a capire se l’animale sia simbolo di pace o di guerra. Nei secoli dei secoli i purosangue sono serviti ad avallare teorie eugenetiche e della razza, sono stati indispensabili durante le guerre, e poi Guernica e le opere di Chauvet. “Sono obbedienti: è questo il loro problema”. Accanto alle leggende e alle tradizioni di cavalieri e di fantini, Sullivan racconta com’è stato vivere insieme a suo padre, un uomo che sognava la poesia e per sopravvivere ha cominciato a scrivere di sport. In una parete del suo studio c’era scritto un verso di Logue: “Non essere troppo duro, perché la vita è breve e all’uomo non viene dato niente”. Mike era un uomo passivo, dipendente dalle sigarette, ironico ma con una sfumatura di tristezza sul viso che non sarebbe andata via: le delusioni e le infelicità non lo abbandonarono mai. “I figli spesso vagano come sonnambuli sulle sconfitte dei padri”.

 

CAVALLI DI RAZZA
John Jeremiah Sullivan
66thand2nd, 250 pp., 18 euro

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi