cerca

recensioni foglianti

Doris, la ragazza misto seta

Irmgard Keun
L’Orma, 200 pp., 16 euro

10 Gennaio 2018 alle 10:34

Ai libri di Irmgard Keun, berlinese di Charlottenburg, sono successe due cose ridicole e terribili: i nazisti li proibirono (“letteratura nociva e inopportuna”) e i cretini insinuarono che fossero stati scritti da un maschio, perché una donna non avrebbe mai potuto scrivere romanzi di sconcertante intelligenza e bellezza e brio come erano i suoi. Ai nazisti fece causa e ai cretini non diede peso. Non aveva neanche trent’anni. I nazisti la arrestarono, esiliarono, infelicitarono a vita. Morì, dopo aver scritto e bevuto moltissimo, nel 1982, a settantasette anni. Vins Gallico ha tradotto, per L’Orma Editore, questo che è il suo romanzo più famoso (il secondo: cinquantamila copie vendute nelle prime settimane dall’uscita: numeroni, se si considera che era il ’32 e i tedeschi erano soprattutto disoccupati, malnutriti e una serie di altre cose che li abbagliarono sul conto di Hitler) ed è stato bravissimo a dare alla protagonista, Doris, una lingua festante, tagliente, affamata. Il tedesco è la lingua dell’amore, fa dire Milos Forman al suo Mozart, e noi che siamo italiani, e della Mitteleuropa conosciamo poco la dolcezza, fatichiamo a crederci. Il tedesco di Doris è addirittura la lingua dell’innamoramento, che è la condizione di questo romanzo e la ragione di tutte le azioni della sua protagonista. Doris fa la dattilografa e non le basta. Ha diciotto anni e un capo avvocato dai rimproveri del quale ha imparato a garantirsi l’immunità con qualche occhiolino e occhiatina sexy. Prima di lasciare il lavoro e partire per Berlino, dove ha intenzione di diventare una stella perché lei è “una bomba sotto ogni punto di vista”, spalle comprese, comincia a scrivere il suo libro. Vuole che inizi così: “Allora, io sono Doris, sono battezzata e cristiana e tutto quanto e soprattutto sono qui” e vuole che non sia un diario, ma la sceneggiatura di un film (siamo solo a pagina 10 di 198 e già è impossibile non caderle ai piedi, innamorati persi per sempre, perché Doris è come quella canzone di Luca Carboni con le ragazze che ti sorridono e di notte si accendono e si mettono quel vestito lì che ti sembra di essere al mare). Stella non diventa, a Berlino, sebbene lì tutto canti e i locali siano “pance di ubriachi” e le strade luccichino così tanto che sembra impossibile che qualcuno possa non luccicare a sua volta, e l’avventura di questo libro non è la sua cornice e non è la sua storia. Non è Doris che chiude a chiave la sua rivale per ottenere una parte a teatro, non è Doris che ruba un pellicciotto e lo trasforma nel suo migliore amico, non è neanche Doris che restituisce la vista a un cieco e che, peste che scaccia i poveracci con nomi da caciai, finisce col farsi mollare da un ricco ragazzo per bene. L’avventura sta nel modo in cui Doris fa di sé e della sua vita un esperimento degno di essere raccontato, senza accorgersi che il suo libro e la sua luce (la sua stella) sono nello sguardo che ha sul mondo. “I miei occhi sono aguzzi”, dice, ed è vero ed è per questo che lei prega Dio di darle solo una buona istruzione e la voce di un uomo che le dica “Doris, ho ragione io, le cose stanno così”, prendendosi lui tutta la fatica e lasciando a lei il meglio e il resto a cui per badare sia sufficiente “un po’ di rimmel”.

 

DORIS, LA RAGAZZA MISTO SETA
Irmgard Keun
L’Orma, 200 pp., 16 euro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi