cerca

“La Francia è un obiettivo privilegiato nel piano di islamizzazione planetaria”

Boualem Sansal: “In Europa siamo sempre più inclini all’irresponsabilità individuale e collettiva, persino alla sottomissione”

3 Dicembre 2018 alle 10:07

“La Francia è un obiettivo privilegiato nel piano di islamizzazione planetaria”

Foto LaPresse

“Per allertare, è necessario forzare, ripetere, gridare e, a volte, è necessario scuotere violentemente i dormienti”, dice Boualem Sansal, scrittore algerino di fama e autore di romanzi di grande successo. “La Francia è un grande paese, può vincere la guerra, ma intere aree, quartieri, periferie, città sfuggono al suo controllo. E’ già così, le aree di illegalità in cui regnano l’islamismo e la miseria si contano a decine. La Francia unica e indivisibile è finita, due francesi convivono sotto la stessa bandiera”. Il suo ultimo romanzo è “Il treno di Erlingen”.

 

“Non è noto, ma nel Diciannovesimo secolo, il più grande paese che mandava migranti era la Germania. I suoi migranti colonizzarono l’America, dove, tuttavia, non erano ben visti, l’America preferiva gli olandesi, gli inglesi, gli scandinavi. Diversi secoli fa, molti paesi europei videro l’arrivo di queste tribù germaniche, i Franchi, i Sassoni, gli Angli, i Visigoti, i Goti e i Vandali. I popoli germanici si sono sempre sentiti stretti nelle loro terre e hanno mantenuto questo spirito colonizzatore e prepotente fino alla Seconda guerra mondiale. Ma questo popolo prolifico sta scomparendo, il suo tasso di natalità non garantisce più il rinnovamento della popolazione. Chi aveva popolato il mondo è ora soggetto a un processo di spopolamento. E’ per questo che ha aperto i suoi confini ai migranti, e ho collocato in questo paese la città di Erlingen, l’ultima roccaforte che resiste all’invasore. L’immigrazione comincia a dividere l’Europa. Il Maghreb è sulla strada per l’Europa. Questa migrazione incontrollata sta riconfigurando il mondo politicamente, culturalmente, moralmente e psicologicamente. E si arriva a situazioni abominevoli dove uno ‘getta’ i suoi migranti oltre i confini, il Marocco espelle i suoi popoli verso l’Algeria e l’Algeria versa i suoi sul Mali, il Niger, la Libia. Ci dimentichiamo che sono esseri umani e che il mondo è stato costruito dalle migrazioni… Storicamente, i migranti sono sempre stati i precursori dei colonizzatori che alla fine sostituiscono i popoli indigeni se non possono contenerli, respingerli. Se, in alcuni paesi, i colonizzatori costruirono grandi civiltà, in altri semplicemente sterminarono gli indigeni e saccheggiarono le loro ricchezze. Nei secoli passati, i migranti in Europa erano tutti europei. Oggi i migranti provengono da un altro mondo, da un’altra civiltà, dall’Africa e dal mondo musulmano, e questo pone problemi insolubili. Poiché l’Islam è per natura conquistatore, comunitario e restio a qualsiasi integrazione nelle società cristiane, la convivenza con i nativi è impossibile. Il Vecchio continente accetta i migranti solo se si uniscono a loro. Un contro-esempio illuminante è quello dei cinesi, anch’essi diversi: resistono all’integrazione, ma rispettano le regole del paese ospitante e non si impongono a nessuno”.

 

In breve, ci sono gli islamisti e gli ausiliari che li sostengono. “Se tutti gli attacchi sono attribuiti agli sciocchi, allora sì, possiamo dire che il terrorismo islamista è finito ed è stato sostituito dal terrorismo degli sciocchi, fuggiti dai manicomi. Ma è vero che nel mio romanzo, non uso la parola ‘islamisti’. Li chiamo ‘servi’ e talvolta ‘invasori’. Non nominare le cose con il loro nome può spesso qualificare meglio. Questa situazione si riferisce a una nuova malattia di cui sottovalutiamo la gravità: non sappiamo più affrontare la realtà, la scopriamo solo ora attraverso il sentimento. Ora, dietro la sensazione, ci sono griglie di lettura, ideologie, strumenti di misura calibrati da un maestro di orologi. Ciò deriva, a mio parere, dal fatto che abbiamo respinto le autorità legittime. I legami nella società si allentano e il re, escluso dal popolo, ha solo se stesso e la sua corte da governare”.

 

Veniamo alle stragi jihadiste. “Con gli attacchi del 2015 siamo passati da attacchi improvvisati a veri e propri atti di guerra intrapresi per mezzo di un commando di guerra e d’élite. Questi attacchi hanno rivelato qualcosa che avevamo conosciuto per molto tempo, ma che la Francia ha rifiutato di vedere: che era un obiettivo privilegiato nel piano globale di islamizzazione concepito da vari stati e organizzazioni islamiche. L’allarme, indirizzato alla Francia, proveniva da due paesi duramente colpiti dagli islamisti: Afghanistan e Algeria. Questi due paesi erano laici e progressisti, facevano parte del movimento comunista per l’Afghanistan e socialista per l’Algeria. E furono re-islamizzati in pochi anni. L’islamismo non è arrivato a casa con un esercito, è entrato attraverso la porta, senza armi o bagagli e, da lì, discretamente, si è diffuso nei quartieri popolari dove ha trovato il terreno fertile perfetto per costituire truppe”.

 

Sansal è stato ispirato dalla storia algerina. “Lo avevo detto. Quello che è successo nei nostri paesi ti raggiungerà e ti distruggerà, sperando che trasmettessero il messaggio all’Europa. Ho consigliato loro di essere vigili e di vedere che l’islamismo domina l’arte della predicazione e quella, suprema, della taqiya (dissimulazione), è come il gas, occupa tutto lo spazio che gli si offre. I francesi non erano perspicaci: la fase uno, quella del proselitismo amichevole, con sorridenti islamisti che offrono aiuto e fraternità ai giovani fuorviati della periferia, passati come una lettera all’ufficio postale, hanno visto solo del bene. Anche la fase due è andata liscia, gli islamisti hanno creato in molti sobborghi delle repubbliche islamiche governate dalla sharia, e la fase tre, quella del jihad, è arrivata, inaugurata dagli attacchi del 2015”. Il fronte interno è esposto. “In Europa parliamo troppo di protezione, sicurezza, principio di precauzione, assicurazione, garanzie. E troppo è troppo, a chiedere costantemente protezione e sicurezza si è sempre più inclini all’irresponsabilità individuale e collettiva, persino alla sottomissione. L’Europa e il Giappone sono le regioni del mondo più minacciate da questo languore che deriva dalla sensazione che la vita sia un rifugio perfetto, tutta calma, lusso e piacere. L’atarassia ha aperto tutte le porte dell’Europa all’islamismo, che è stato visto come una bella curiosità. Il pulcino attonito correva verso il serpente per giocare con lui. Ma qui, il serpente è un boa”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • NAPOORSO

    03 Dicembre 2018 - 15:03

    A riprova che Illuminismo Libertè fraternitè egalitè eran tutti slogan privi della minima sostanza. Son 5 secoli che in Francia si combatte il cattolicesimo, e questi sono i frutti: mi spiace solo che tutte le gallinelle che urlano delle piazze non finiranno in burka! Se le vedrò, sarà un piacere immenso!

    Report

    Rispondi

Servizi