cerca

Declino e caduta dell’impero di Facebook. Zuckerberg non è Cesare Augusto

Crescita stagnante, morale basso fra i dipendenti, scandali politici, crollo delle quotazioni. E ora anche l’oltraggio pubblico

2 Dicembre 2018 alle 06:18

Declino e caduta dell’impero di Facebook. Zuckerberg non è Cesare Augusto

Foto LaPresse

"Mark Zuckerberg non è la prima persona nella storia umana a trarre ispirazione da Cesare Augusto, il fondatore dell’Impero romano, ma è uno dei pochissimi per i quali le lezioni del regno di Augusto hanno un’urgenza concreta”, scrive Max Read sul New York Magazine. “Entrambi, dopo tutto, hanno costruito imperi internazionali prima dei 33 anni".

 

"‘Fondamentalmente, attraverso un approccio davvero duro, Augusto ha stabilito 200 anni di pace mondiale’, ha spiegato Zuckerberg a un giornalista del New Yorker all’inizio di quest’anno. ‘Doveva fare certe cose’ per assicurare la stabilità del suo impero, ‘un approccio davvero duro’. Allo stesso modo, a quanto pare, Facebook. Un rapporto di seimila parole pubblicato sul New York Times la scorsa settimana ha rivelato in termini umilianti quanto a fondo è andato Facebook per proteggere il suo dominio e attaccare i suoi critici. Con l’ampliarsi delle varie crisi interconnesse che riguardano l’incitamento all’odio, la disinformazione e la privacy, i massimi dirigenti hanno ignorato, e quindi tenuto segreto, le prove che la piattaforma era diventata un vettore di campagne di disinformazione da parte dei troll russi sostenuti dal governo. La compagnia ha messo su una campagna di lobbying e pubbliche relazioni scandalosamente aggressiva, che includeva la creazione e la diffusione di post sul blog di Facebook che erano funzionalmente indistinguibili dal ‘contenuto inautentico coordinato’ (cioè notizie false) che Facebook si era impegnato a eliminare dalla sua piattaforma. In un esempio particolarmente irritante, la società ha assunto una consulenza politica che diffondeva una teoria del complotto che accusava George Soros di finanziare le proteste anti Facebook. Sembra che Zuckerberg avesse adottato un ‘approccio davvero duro’ per stabilire l’egemonia digitale. Augusto, almeno, era un leader carismatico e un governante fiducioso".

 

"Nel pezzo del Times su Facebook non ci si imbatte mai in un visionario altrettanto audace. Non sembra esserlo Joel Kaplan, il principale lobbista di Facebook, che ha incoraggiato la compagnia a reprimere e trattenere i risultati delle campagne di influenza russe per paura di alienare i repubblicani. Non Chuck Schumer, che ha affrontato uno dei principali critici di Facebook del Senato e gli ha detto di capire come lavorare con la compagnia (la figlia di Schumer lavora per Facebook). E certamente non Zuckerberg, che sembra essere stato costantemente assente – o chiaramente disinteressato – durante le riunioni chiave sulla gestione dell’odio e della disinformazione da parte di Facebook. Le richieste per l’amministratore delegato di abdicare, o almeno di dimettersi dal suo ruolo di presidente del consiglio di amministrazione, sono aumentate, ma Zuckerberg – che controlla il 60 per cento delle azioni con diritto di voto di Facebook – non è più incline a dimettersi di quanto sarebbe stato Augusto. Come riporta il Wall Street Journal, Zuckerberg ha detto ai dirigenti della società all’inizio di quest’anno che Facebook è in guerra. Il guaio è che la guerra potrebbe essere già stata persa. Accomodato su una crescita stagnante, il basso morale dei dipendenti, il crollo delle quotazioni, l’oltraggio pubblico e un gruppo bipartisan di nemici nel governo, il vecchio Facebook, la società in continua espansione, ignorante del governo e di conquista del mondo di appena un anno o due fa, se ne è andato. I suoi sondaggi interni lo confermano: Facebook una volta era leggendario per la dedizione da culto dei suoi dipendenti – riferire sulla società era quasi impossibile perché gli operai si rifiutavano – ma la fiducia dei dipendenti nel futuro di Facebook, come giudicato dai sondaggi interni riportati dal Journal, è in calo di 32 punti percentuali rispetto allo scorso anno, al 52 percento. Circa lo stesso numero di dipendenti di Facebook ritiene che l’azienda stia rendendo il mondo un posto migliore, in calo di 19 punti rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, e i dipendenti riferiscono di maturare prima l’intenzione di lasciare Facebook per nuovi posti di lavoro rispetto al passato. Preoccupante anche per Facebook è la possibilità, per la quale esistono prove aneddotiche, che non sia più un datore di lavoro ambito dai migliori laureati in Informatica e Ingegneria. Ci sono già ampie prove che Facebook stia perdendo il controllo sugli utenti. Nei mercati in cui Facebook è più redditizio, la sua base di utenti è stagnante, come in Nord America, o addirittura in contrazione, come in Europa. La società potrebbe essere in grado di rassicurare se stessa che Instagram – che possiede interamente – si sta ancora espandendo in modo impressionante, ma il successo di Instagram non ha impedito a Facebook di essere punito in Borsa. Ciò che rende le rivelazioni del Times particolarmente pericolose per l’impero di Zuckerberg è che arrivano in un momento in cui c’è effettivamente la volontà politica di sfidare il suo dominio. E’ l’indignazione pubblica che dovrebbe essere più preoccupante per Facebook. Altri giganti della tecnologia sono riusciti a sfuggire alle critiche dirette su Facebook perché hanno ovviamente servizi utili. Amazon consegna le cose a casa. Google ti aiuta a trovare le cose online. Apple vende oggetti reali. Facebook… ti aiuta a litigare? Alcuni imperi cadono perché sono invasi dall’esterno o marciscono dall’interno. Zuckerberg potrebbe essere il primo nella storia a crollare semplicemente perché i suoi cittadini si sono ritirati”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    03 Dicembre 2018 - 12:12

    Quando Il Foglio pubblicò un paginone con il penziero di Zuck ,chissà perchè io mi sganassai dalle risa. Il tempo è galantuomo. luides

    Report

    Rispondi

Servizi