cerca

Una rotonda sul design, in spiaggia

Torna Demanio Marittimo, festival notturno d’arte e architettura

12 Luglio 2019 alle 13:58

Una rotonda sul design, in spiaggia

Foto tratta dalla pagina Facebook Mappelab

Dalle sei alle sei (dalla sera alla mattina) sulla spiaggia di Senigallia, quella della “Rotonda sul mare” di Fred Bongusto. Torna, venerdì 19 luglio, “Demanio marittimo km 278 – Mappelab”, una nottata di lezioni, talk, tra design, arte e architettura.

 

Quest’anno il tema è Eurotopia, titolo scelto pure per il padiglione Belga all’edizione 2018 della Biennale Architettura dal collettivo Traumnovelle, che sarà al Demanio a raccontare quell’esperienza. Il dialogo sull’architettura coinvolgerà anche i curatori del Padiglione Tedesco nel 2018, con Lars Krückeberg, del gruppo Graft di Berlino. Il rapporto tra architettura e riqualificazione urbana sarà esplorato in relazione ad alcune esperienze italiane come il museo M9 a Mestre, realizzato dallo studio berlinese Sauerbruch Hutton, mentre il caso di Reggio Emilia sarà approfondito con l’architetto Andrea Zamboni – autore della riqualificazione e del restauro dei Chiostri di San Pietro. Di progetti e temi importanti, tra Croazia, Europa e regione adriatica, parlerà Mia Roth Cerina, fresca vincitrice del premio nazionale di architettura del suo paese. Marco De Michelis terrà invece una speciale lezione sul Bauhaus. Il Maestro del Territorio omaggiato da questa edizione è l’architetto e urbanista Giancarlo De Carlo, in una conversazione tra Margherita Guccione, Paola Nicolin, Manuel Orazi e Francesco Benelli. Franco Noero racconterà poi lo sviluppo della sua galleria in relazione a diversi luoghi della città di Torino. Ma oltre alle storie di gallerie e galleristi, ci saranno quelle dei grandi eventi internazionali a partire dalla Biennale, col racconto dei padiglioni nazionali più celebrati del 2019, quelli della Lituania e del Ghana (dalle spiagge simboliche a quelle reali, insomma).

Michele Masneri

Michele Masneri è bresciano e vive prevalentemente a Roma. È editor at large di Rivista Studio, e scrive schizofrenicamente di economia, cultura e società oltre che sul Foglio, su IL del Sole-24 Ore, su Style del Corriere della Sera. Come molti italiani ha scritto un romanzo, si chiama "Addio, monti", non c'entra con l'ex premier, ed è edito da minimum fax.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi