cerca

I campioni culturali della destra esistono. Nomi per la Rai

Intelligente e di destra non è un ossimoro, per questo per la tv di stato il governo non dovrebbe andare a cercare i professionisti dell’imbroglio politico

2 Agosto 2018 alle 06:14

I campioni culturali della destra esistono. Nomi per la Rai

Foto LaPresse

I campioni culturali della destra esistono, non si capisce perché quel grossolano buontempone del Truce, seguito da Giggino, abbia tirato fuori dal cilindro, per adesso e con forzature di ogni genere, personalità che hanno trafficato con l’imbroglio politico, tecnicamente due imbroglioni a cui su Twitter, organo rivelatore quanto mai altri, è scappata con regolare continuità la mano sbagliata. Marcello Veneziani, per esempio, è un saggista di cui sono apprezzati gli sforzi di vedere il mondo storico in una luce particolare, affetta direi da novecentismo acuto, ma che non è un imbroglio pacchiano, e sono apprezzati anche fuori delle conventicole dei duri e puri, ammiratori degli strongman di Mosca o di Washington. Sarebbe un buon presidente della Rai, di rottura e di dialogo quanto basta. Essere putiniani o trumpiani è legittimo, certo, vorrei vedere, ma cinguettare come ha fatto Foa sulle feste sataniche di Hillary Clinton e John Podesta è un’altra cosa. Vorrei Salvini a casa al più presto, e certamente resterò deluso, ma non gli darei mai del pedofilo, come invece ha fatto Marcello Foa a proposito dei satanisti democratici d’America.

Ma c’è un paio di nostre vecchie conoscenze e, al di là delle rispettive identità politiche o ideologiche, amiche: Pietrangelo Buttafuoco, per esempio, o Alessandro Giuli. Buttafuoco sa leggere e scrivere da padreterno, riscuote odio e dileggio a sinistra, talvolta, ma è accettato e trattato come merita, cioè bene, da un establishment culturale che non si sta a preoccupare del suo fedele e paradossale fascismo o islamismo: basta poi pensare al suo lungo e fervoroso sodalizio con il giornalista comunista e fogliante sentimentale, Stefano Di Michele, morto giovane nel 2016, e alle loro opere di stampa e televisive in comune, per capire che Buttafuoco è un poliedro, uno sfaccettato, oltre che uno sfacciato del cattiverio. Intelligente e di destra non è un ossimoro. Giuli vale molto, è un erudito e un uomo di mondo, è stato con noi al lavoro in posti di responsabilità per anni, e la sua militanza editoriale testimonia che ha la vista lunga, un gusto antimoderno interessante, ma anche una rara capacità di ascolto e di immedesimazione nelle ragioni degli altri, ed è giovane.

 

Ostracizzare no, valutare sì

Sul crinale della mediazione con un ceto giornalistico molto più che decente (Foa è un giornalista ma “molto più che decente” è definizione che sarebbe per lui un azzardo), e rappresentativo di un’Italia non pregiudizialmente ostile, come me, ai contrattisti di governo, anzi, in qualche caso anche fervorosamente incline a credere in santa Virginia Raggi e altri idoli del momento, ci sarebbero un Pierluigi Battista o un Antonio Padellaro o una Sofia Ventura. Il loro lignaggio politico e culturale arricchirebbe una maggioranza nazional-campano-padana piuttosto robusta ma a suo modo isolata in certe evidenti anomalie, è ovvio. Invece no, i rudi tori del governo del cambiamento neanche per un minuto hanno pensato al tentativo di contemperare il plebiscito di ogni giorno, cioè il mito ottocentesco della nazione che si emancipa dai suoi ceppi, con un’apertura all’imprevedibile sicuro, a gente appena di là dal perimetro della bassa forza operativa, dei fan del vestitino gialloverde, i più smaccati e burleschi militanti del peggio. Ho già scritto che non si possono ostracizzare i putiniani o i trumpiani, sarebbe arrogante, ma mettere alla testa della Rai gente che alla categoria appartiene con eccessiva disinvoltura e sprezzo del pericolo culturale è un altro paio di maniche.

 

Questi per adesso, e la cosa è destinata a durare, tagliano teste di parassiti, così dicono, e al loro posto ci mettono quelle che considerano le loro teste, sono giacobini della mutua. Bè, si rassegnino se qualcuno le considera teste vuote. O piene di pregiudizio. Di pregiudizi ne abbiamo tutti ed è anche vero che i tweet sono tutti eguali, ma alcuni sono più eguali degli altri, come diceva Orwell.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • albertoxmura

    05 Agosto 2018 - 13:01

    Si è dimenticato (forse volutamente) Giordano Bruno Guerri, che non è giovane e non potrebbe nemmeno definirsi di destra, ma che certamente è un intellettuale intelligente e anticonformista.

    Report

    Rispondi

  • spectrum

    03 Agosto 2018 - 13:01

    Cambiare questa RAI, e' un sogno da accarezzare e forse non troppo lontano. Ormai il pesce inizia a puzzare. Bisogna iniziare a liberare la RAI dal regime del pensiero unico politicamente corretto che ormai dirige ogni programma, ogni fiction, ogni talk show. Tutto fila in linea con le politiche buoniste multietniche e benpensanti (euro)PD, incluso anche l'iniettare l'ideologia Gender nella tv. Una dittatura insomma, che grazie al lavoro dei media sembra normalita'. in realta' il teatrino del pensiero unico e' orchestrato dal solito "manovratore", le solite logge democratiche europee (vedi telefonata di Tajani a Berlusconi ove blocca l'appoggio a Foa e minaccia dimissioni). Sul nome di Foa c'e' uno scontro anche piu grande di quello politico nazionale.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    02 Agosto 2018 - 13:01

    Il problema è uno solo: le poltrone e i controlli delle poltrone piacciono a tutti. Poi sulle scelte dei nomi bisogna dire che nemmeno nel primo governo Berlusconi gli intellettuali di destra, quelli veri, sono stati sempre boicottati. Basta vedere le scelte a suo tempo di Mediaset con i vari Mentana e Costanzo o addirittura Santoro. Del resto i quotidiani dell'area di centrodestra, con l'eccezione de "Il Foglio" sono presi dall'2amore" per Salvini e compagni.

    Report

    Rispondi

  • DBartalesi

    02 Agosto 2018 - 11:11

    I malpensanti, quelli che a pensar male del prossimo si fa peccato ma spesso si indovina, sussurrano che le ragioni della bocciatura di Foa da parte di Berlusconi, sono da ricercarsi negli interessi di Mediaset nel campo delle televisioni. Business e non politica, insomma, concessioni di canali, frequenze più che di poltrone. Dove l'ingresso di un ex del Giornale, poi convertitosi al verbo sovranista e antisistema, Foa appunto, sbilancerebbe l'asse decisionale in RAI a favore degli arruffa popolo di Lega e Five Stars. Fosse davvero così sarebbe veramente un peccato. Perchè darebbe ulteriore forza al popolo dei malpensanti. Già in maggioranza.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi