Barbarie vegane e miscredenti a MasterChef, tra centrifugati di clorofilla e stufato di tofu

Prova in esterna in un parco a teorizzare un Gesù vegetariano che beve acqua. Pressure test incredibile, con il colpo di scena finale. Adieu Mariangela, crollata sul timballo

Mahatma
Barbarie vegane e miscredenti a MasterChef, tra centrifugati di clorofilla e stufato di tofu

foto Ufficio Stampa Sky

A me il cervo non piace, ma dopo aver appreso dell’esistenza di un centrifugato di clorofilla, mi è venuta voglia di addentare tutta la selvaggina raccattabile in giro. L’esterna di questa puntata era in un bellissimo parco milanese e i nostri prodi cuochi dovevano far da mangiare a venti bonzi esperti in kung-fu. Avevano le divise arancioni, consacravano il cibo a Buddha e tutte quelle cose new age che vanno tanto di moda, tra ohm e gong. Ma, più di tutto, erano vegani. Quindi mangiavano solo roba cruda senza contatti animali. Ecco, allora, la clorofilla, il seitan e il tofu. E poi alghe e – Gesù mio – tiramisù vegano crudo. Qualche eccezione all’uso del fuoco era comunque prevista, hanno spiegato gli esperti: bastava non andare oltre i 42 gradi centigradi, “che è la temperatura del nostro sangue, il fuoco della vita”. Joe Bastianich ha perculato per l’intera puntata il capo bonzo, che ha perfino criticato il Papa perché beve vino a messa. Cristo, ha aggiunto il superiore della congrega vegana, “oggi berrebbe acqua e sarebbe vegetariano”. Se lo dice lui, va bene.

 

Prima c’era stata l’eliminazione di Roberto (peccato, altri dovevano andare a casa prima), quindi l’Invention test con la prova a staffetta: un complicatissimo e poco digeribile timballo del Gattopardo con uova, piselli, ragù, pasta e qualcosa d’altro. Un mappazzone, detto inter nos. I peggiori sono stati, ça va sans dire, l’architetto Gabriele e Mariangela, che non è stata capace manco di tirar fuori il timballo dalla scodella. Hanno chiesto a Michele, il giovanotto, se avesse mai letto il Gattopardo. La risposta è stata sì, Bastianich l’ha mandato a quel paese e gli ha chiesto chi l’avesse scritto. Risposta: “Mi interessano altre cose”. “Tipo?”. “La figa”. Almeno è sincero, e pazienza per le preoccupazioni banali da educanda della ministra Valeria Fedeli sullo stato dell’istruzione italiana. Come se qualcuno a scuola avesse davvero letto il Gattopardo. 

 

Pressure test interessante, tra sarde a beccafico, zabaione, filetto in tre cotture e mozzarella in carrozza. Lo sciagurato Gabriele non ne ha combinata una giusta, è arrivato sfinito, con il sorrisino perfido di Gloria, sempre più antipatica, a fissarlo. Eppure, alla fine ha sfoderato l’asso e ha mandato a casa Giulia, una di quelle che avrebbe potuto arrivare quasi fino in fondo. Almeno era simpatica. Molto più dei quattro quinti di quelli rimasti dentro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Cinzietti

    Cinzietti

    18 Ottobre 2017 - 10:10

    Solo una piccola nota: il parco Sigurtà non è a Milano bensì a Valeggio sul Mincio in provincia di Verona. Ciao, Cinzia

    Report

    Rispondi

Servizi