cerca

Occupy l’algoritmo

I driver di Uber vogliono sapere come funziona, e sempre più aziende tech devono fare i conti con la trasparenza

Eugenio Cau

Email:

cau@ilfoglio.it

20 Luglio 2020 alle 20:09

Occupy l’algoritmo

foto LaPresse

Milano. Un gruppo di driver del Regno Unito ieri ha cominciato un’azione legale contro Uber presso il tribunale di Amsterdam, dove si trova il quartier generale internazionale dell’azienda. I driver, che sono degli attivisti sostenuti da sindacati e associazioni, vogliono da Uber una cosa ben precisa: non paghe e orari migliori, ma informazioni su come funziona l’algoritmo segreto che regola e gestisce le corse delle loro auto, le tariffe, i percorsi. Ufficialmente, l’azione intrapresa dai driver britannici è una richiesta...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Eugenio Cau

Eugenio Cau

E’ nato a Bologna, si è laureato in Storia, fa parte della redazione del Foglio a Milano. Ha vissuto un periodo in Messico, dove ha deciso di fare il giornalista. E’ un ottimista tecnologico. Per il Foglio cura Silicio, una newsletter settimanale a tema tech, e il Foglio Innovazione, un inserto mensile in cui si parla di tecnologia e progresso. Ha una passione per la Cina e vorrebbe imparare il mandarino.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi