cerca

I conti del boicottaggio

Le multinazionali tolgono la pubblicità da Facebook, ma non fanno così tanto male a Zuckerberg

30 Giugno 2020 alle 10:03

I conti del boicottaggio

(foto Unsplash)

Milano. Il boicottaggio contro Facebook è nato come un fatto laterale, promosso da alcuni gruppi di attivisti per i diritti civili e portato avanti da poche aziende medio piccole e settoriali come North Face e Patagonia, ma piano piano è cresciuto fino a diventare una valanga. In pochi giorni si sono uniti giganti come Unilever, Coca-Cola e Starbucks, alcuni metteranno in pausa le loro pubblicità sui social per un mese, altri fino alla fine dell’anno, perché in queste settimane essere...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Eugenio Cau

Eugenio Cau

E’ nato a Bologna, si è laureato in Storia, fa parte della redazione del Foglio a Milano. Ha vissuto un periodo in Messico, dove ha deciso di fare il giornalista. E’ un ottimista tecnologico. Per il Foglio cura Silicio, una newsletter settimanale a tema tech, e il Foglio Innovazione, un inserto mensile in cui si parla di tecnologia e progresso. Ha una passione per la Cina e vorrebbe imparare il mandarino.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi