Videogamer di tutto il mondo unitevi

12/06/2019

Dall'11 giugno al 13 vi sarà l'E3 Media & Business Summit nel Convention Center di Los Angeles dove l'aziende più importanti del settore dei videogiochi si riuniscono per esporre le nuove invenzioni tecnologiche del 2020.

A Los Angeles, come ogni anno dal 1995, l’industria del videogioco si raduna nelle prime settimane di giugno. Quello che era nato come un raduno per nerd e ingegneri, il fu Electronic Entertainment Expo, si è ora trasformato in un appuntamento per capire come si sta muovendo la tecnologia dei videogames. Dall’11 giugno al 13 l’E3 Media & Business Summit “occuperà” il Los Angeles Convention Center con il meglio della produzione settore dell'intrattenimento interattivo dal valore di 150 miliardi di dollari.

 

International Data Group e da Interactive Digital Software Association avevano ideato l’appuntamento per promuovere la quinta generazione di console, conosciuta anche come Era 3D, che ha avuto inizio nel 1993 con l'uscita della prima console a 32-byte, e si è conclusa nel 2002 con la dismissione del Nintendo 64 e il passaggio dalle cartucce ai cd. Nel 2020 verrà presentata una nuova console del Xbox Project Scarlett, la più potente e performante mai vista prima.

 

La fiera, un tempo (per i primi due anni) aperta solo a una stretta cerchia di invitati, è ora un evento pubblico che incrementa anno dopo anno i visitatori e nel quale le più importanti aziende del settore, come Electronic Arts, Bethesda, Nintendo, Microsoft, Square Enix e Ubisoft, presentano progetti futuri, innovazioni e prodotti mai visti prima.

 


 

Questo articolo fa parte del progetto di alternanza scuola-lavoro che il Foglio ha attivato con l'Istituto Sant'Anna Giulia Falletti di Barolo ed è stato scritto da Camilla Campita, Beatrice Tabacco, Anna Paola Valensise.