Gli incappucciati del web

Curiosità e voglia di segretezza: l’anonimato online dalla maldicenza sui blog al business del sesso

Gli incappucciati del web

Gli incappucciati del web girano in branco. Ma muoversi in modo perfettamente anonimo non è semplice

Sino a qualche anno fa il dilemma del web era: nickname o nome e cognome? Cioè libertà di opinione senza i laccioli delle questioni anagrafiche (il valore di un commento prescinde da chi lo esprime) oppure certificazione blindata dell’autore (un commento senza maschera vale di più)?   Non si era ancora scatenata la pandemia delle fake news e la rivista statunitense The Atlantic s’interrogava sull’alchimia giusta per “far emergere i contenuti di valore isolando il rumore di fondo” ed evitare...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    01 Gennaio 2018 - 12:12

    Pezzo molto chiaro e aggiornato, complimenti.

    Report

    Rispondi

Servizi