cerca

il foglio sportivo

La triste parabola del carcerato Ronaldinho

L’ex Pallone d’Oro è detenuto in Paraguay, non fa tornei con gli altri prigionieri ma ha fiducia in Dio

21 Marzo 2020 alle 06:00

La triste parabola del carcerato Ronaldinho

foto LaPresse

Sembra quasi un racconto sul calcio di Osvaldo Soriano. La storia del campione del mondo, fuoriclasse ormai un po’ in là con gli anni, che vince un maiale di sedici chili, dopo aver segnato cinque gol nella finale del torneo di calcio a cinque del carcere di Asunción. Le scarpe da ginnastica prestate da un agente della polizia penitenziaria, i detenuti che in un primo momento accettano la sua presenza in campo a patto che lui non segni. Si dice...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi