cerca

il foglio sportivo

Quando il gioco si fece Muro

Il calcio ridotto a prigione nella Germania Est prima del 9 novembre 1989

9 Novembre 2019 alle 06:08

Quando il gioco si fece Muro

Foto LaPresse

Era forte, la Dynamo Dresda. Così forte che decisero di portarla a Berlino, di notte, e chiamarla Dynamo anche di là, perché così voleva il regime. Anzi, lo voleva Erich Mielke, il fondatore e capo del ministero della Sicurezza dello Stato della Germania Est. Per fare prima: l’inventore della Stasi, la terribile polizia segreta della Ddr.   Il calcio ai tempi del Muro di Berlino era una questione di Stato: era lo Stato a decidere tutto, dove andavano i giocatori...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi