cerca

il foglio sportivo

La footballpolitik no, grazie

Il moralismo un po’ ipocrita di chi pretende dagli sportivi gesti di coraggio politico a senso unico

19 Ottobre 2019 alle 06:08

La footballpolitik no, grazie

foto LaPresse

Non ci è bastato il rockpolitik di Adriano Celentano, ora siamo alle prese con il footballpolitik turco. Sappiamo bene che il calcio è la prosecuzione della politica con un pallone, ma all’apertura del circo si ripresenta l’ulcera. L’ultimo caso riguarda i calciatori pro Erdogan. Non sosteniamo certo il despota di Ankara, ci mancherebbe. Piuttosto questo è un piccolo trattatello su ipocrisia, pusillanimità, scandalo e riprovazione a senso unico, cioè quando il messaggio non coincide con la nostra ide(ologi)a. Se lo...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi