Il Casaleggio del calcio

L’uscita di scena di Gigi Buffon, pessimo personaggio pubblico piagnone con sé e moralista con gli altri

12 Aprile 2018 alle 21:29

Il Casaleggio del calcio

Gianluigi Buffon (foto LaPresse)

Un filo di inevitabile imbarazzo c’è, ci si sente un po’ nei panni di Napolitano quando ha maramaldeggiato sulla ciccia esanime di Renzi, nel dover rendere il dovuto a Gigi Buffon e al suo finale di carriera concluso con un tuffo dentro a una piscina vuota. L’ultimo atto di un grande atleta e di una vita da campione, questo nessuno mai gli toglierà, ma anche di una vita da personaggio pubblico passabilmente di merda. (Il personaggio pubblico: l’uomo non lo giudico, senz’altro è larger than life, e “chi siamo noi per giudicare” è la frase migliore che un Papa abbia detto). Ma il personaggio pubblico. Ha sbroccato, può capitare al calciatore. Però quando si va per i quaranta un personaggio pubblico, “l’esempio per i giovani” di tutta la retorica da sciacquone del giornalismo nazionale, farebbe meglio a evitare.

 

 

 

Il rigore, c’era o non c’era. È da mercoledì notte che rimbalza su ogni social e ogni chat di WhastApp il sardonico sfottò: “L’unica cosa storta di una sera perfetta è che il rigore purtroppo c’era”. Ma questo è il tifo, fa bene al cuore e male alla coscienza. Ed è, come ognun sa, lo specchio di tante ingiustizie arbitrali subite: dagli altri. Il motivo per cui a milioni la odiano, la Giuve. Questo Real Madrid di Torino.

 

Però Gigi Buffon, oltre a mandare a cagare a un centimetro dal grugno l’arbitro Oliver, più sperduto in mezzo al Bernabeu di Oliver Twist alla Whitechapel, e beccarsi il rosso e uscire così, tra gli strepiti e gli applausi dalla sua carriera di portierone, poi si è fatto la doccia. E davanti alle telecamere ha tolto la maschera: “Era sicuramente una azione dubbia al 93esimo, dopo che all’andata non ci hanno dato un rigore al 95esimo. Un arbitro all’altezza non infrange il sogno di una squadra che ha messo tutto in campo per 90 minuti. Ha voluto fare il protagonista. Un essere umano non può fischiare un episodio stra-dubbio dopo una gara del genere, a meno che al posto del cuore non abbia un bidone dell’immondizia. Se non hai la personalità per stare a questi livelli, allora vai in tribuna con la famiglia, compra le patatine e goditi lo spettacolo”. Poi è passato all’antropologia: “E poi non sei un uomo, queste cose qua le fanno gli animali, non gli uomini. Avrebbe dovuto capire il disastro che stava facendo”. E all’etica: “Non puoi avere il cinismo di distruggere il sogno di una squadra”.

 

Ecco, il Gigi Buffon calciatore che ha sbroccato è il calciatore che si era autocondannato alla Fornero dello sport, finché la Champions non si fosse vinta. È anche umano. Invece è il personaggio pubblico, il punto. Perché lo stesso Buffon che nella sua lunga carriera ha collezionato brocardi superomisti da osteria: “Polemiche arbitrali? Alibi di chi non vince mai”. E che nel giorno del gol di Muntari, quello che era dentro di un metro, disse, dopo la doccia: “Non me ne sono reso conto, e sono onesto nel dire che se me ne fossi reso conto non avrei dato una mano all’arbitro”. Perché Buffon ha sempre mescolato a giorni alterni il cinismo di quello che sa cos’è il calcio professionistico e il piagnisteo di quello che, quando serve, tira fuori dalle sacche lacrimali i Valori dello Sport. E anche quella cosa di piangere, del resto. Dall’Olimpico Don Andrés Iniesta è uscito in lacrime dalla storia del calcio. Standing ovation. Lui perde a Cardiff, piange. Fallisce i Mondiali, ripiange. Le standing ovation si meritano una sola volta, nella vita.

 

Il problema non è che ha dato di matto, ma che dando di matto ha tirato fuori il peggio di sé, di una concezione a doppio fondo del calcio che ha sempre coltivato, con allenamenti maniacali. Finché va bene a me, ficcatevi le regole su per il naso. Se invece va male, ah il Fato, ah quelle forze del destino. Tutta la vita, la sua è stata la doppia morale dei moralisti d’accatto. Ma i moralisti hanno sempre un lato grottesco, come il culo della scimmia. Dire che l’arbitro non può rovinare un sogno, si finisce per sembrare Veltroni (che è gobbo, appunto). Poi, ore dopo, non pago e in pieno delirio d’onnipotenza, dal fondo della piscina vuota ha ricominciato a scavare: “L’arbitro doveva accettare i miei insulti. Ha commesso un crimine contro l’umanità sportiva”. L’umanità sportiva, sic. E qui, altro che Veltroni, sembra Davigo. Poteva anche aggiungere: “Non ci sono arbitri onesti, ma solo venduti che non sono ancora stati scoperti”. Con le sue lacrime da coccodrillo, Gigi Buffon esce dal calcio per quello che è: il Casaleggio del calcio. Uno per cui valgono le regole e la forca, ma solo finché colpiscono gli avversari. Solo che stavolta era rigore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • leolazze76

    14 Aprile 2018 - 23:11

    Buffon si è dimostrato ancora una volta un grande..ora però basta e spazio al polacco

    Report

    Rispondi

  • Carlo Senneca

    14 Aprile 2018 - 17:05

    Il rigore era sfacciato, andrebbe mostrato ai corsi per arbitri per spiegare quando fischiarne uno (a 30 secondi dall'inizio o dalla fine di una partita). Chi si ostina a negarlo o non capisce di calcio o e' in malafede (queste due categorie tra l'altro coprono il 95% della massa gobba). Buffon e' stato un ottimo portiere dalla lunga carriera sportiva ma come uomo non vale una cicca, e il suo ultimo show lo ha solo confermato. Grazie Dottor Crippa.

    Report

    Rispondi

  • antonino

    14 Aprile 2018 - 17:05

    Ancora una volta La Juve ha dimostrato di non essere idonea a rappresentare l’Italia in campo internazionale perché porta all’eccesso tutti i difetti nazionali. Per il modo con cui i suoi giocatori protestano in campo, la visione delle partite della Juve dovrebbe essere vietata ai minori di 18 anni. Ora mio figlio di 6 anni mi ha spiegato il motivo dell’elimimazione: gli spagnoli hanno pagato l’arbitro, lo hanno detto alla televisione. Sono riuscito a cambiare canale mentre il capitano juventino, idolo dei bambini, esternava. Purtroppo non è bastato.

    Report

    Rispondi

  • e.biglieri

    13 Aprile 2018 - 17:05

    Grandissimo Crippa. Da ritagliare, conservare e mostrare ai nipoti nelle serate d'inverno.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi