Discesa libera azzurra. Sofia Goggia è d'oro a PyeongChang 2018

La discesista di Bergamo batte Ragnhild Mowinckel e Lindsey Vonn. Mai prima d'ora un'italiana aveva conquistato l'oro olimpico nella discesa libera nella storia delle Olimpiadi

21 Febbraio 2018 alle 08:27

Discesa libera azzurra. Sofia Goggia è d'oro a PyeongChang 2018

Da Bergamo a PyeongChang ci sono quasi novemila chilometri, lo slancio giusto per affrontare gli ultimi duemila e trecentottanta metri della discesa libera al meglio. Quelli che Sofia Goggia ha interpretato più velocemente di chiunque altra, quelli che hanno regalato la prima medaglia olimpica alla venticinquenne italiana, il terzo oro per la compagine azzurra ai Giochi olimpici invernali.

 

 

Giù dal Monte Gariwang, su due metri di sci che superavano i cento all'ora, Goggia ha fatto quello che sapeva di poter fare, cioè vincere, non ha fatto quello che molte volte ha fatto per troppa voglia di strafare, cioè sbagliare (le cosiddette "goggiate"), ha soprattutto scombianato tutto quello che in molti si aspettavano, primi tra tutti forse gli organizzatori, ossia concedere il palcoscenico e la corona della velocità a sua maestà Lindsey Vonn, la sciatrice più forte degli ultimi anni, probabilmente all'ultima Olimpiade della carriera. L'americana era rientrata da un infortunio, era tornata a vincere, e per bellezza, fama, palmares rimane ancora l'immagine globale dello sci mondiale, la copertina che poteva servire per dare lustro all'esperienza sudcoreana.

 

E invece alla stazione sciistica di Jeongseon, la più veloce è stata la più giovane Goggia, perfetta in tutta la discesa, scaltra e brava a trovare a metà percorso, nel punto dove si poteva fare la differenza, le linee giuste, quelle che sono valse quei quarantasette centesimi buoni per superare Vonn. Che però ha conquistato solo il bronzo. Tra le due grandi amiche e rivali si è inserita infatti la norvegese Ragnhild Mowinckel, pettorale numero diciannove, l'unica a riuscire a spezzare il duopolio delle due migliori atlete in circolazione, almeno per quanto riguarda la discesa libera.

 

L'ultima oro azzurro olimpico nello sci alpino femminile era datato 2002 e firmato Daniela Ceccarelli, ma era Super gigante. Mai un'italiana era riuscita a salire sul gradino più alto del podio nella discesa libera, neppure Isolde Kostner, argento a Salt Lake City e bronzo a Lillehammer dodici anni prima, nel 1994.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    21 Febbraio 2018 - 09:09

    Questa medaglia pare rivalutare tutta la partecipazione azzurra alle Olimpiadi, ma tecnicamente sono le molte medaglie mancate per un soffio quelle che dimostrano il livello alto che lo sport italiano ha raggiunto da tempo e riesce a mantenere nella quasi generalità degli sport invernali. Bravi tutti.

    Report

    Rispondi

Servizi