L'Inter ai cinesi del Suning Group. I dettagli dell'operazione e il perché della voglia di serie A a Pechino

Il 68,5 per cento del club milanese passa al gruppo di Zhang Jindong per 230 milioni di euro. Massimo Moratti dice addio al club dopo 21 anni.

6 Giugno 2016 alle 16:08

L'Inter ai cinesi del Suning Group. I dettagli dell'operazione e il perché della voglia di serie A a Pechino

I cinesi di Suning acquisiscono la maggioranza dell'Inter (foto LaPresse)

La maggioranza delle quote dell'Inter passa ai cinesi del Suning Group. L'ufficialità al passaggio di proprietà è arrivata lunedì mattina nel corso della conferenza stampa all'hotel Sofitel Zhongshan Golf Resort di Nanchino. Il colosso asiatico dell'e-commerce ha rilevato da Erick Thohir il 68,5 per cento del club nerazzurro (per 270 milioni di euro) come confermato dal presidente del gruppo Zhang Jindong. L'imprenditore indonesiano rimarrà proprietario del 31 per cento del club e manterrà la carica fino a quando non si completerà l'acquisizione di Suning del 100 per cento delle quote. Esce, invece, di scena dopo 21 anni
Massimo Moratti.

 

"Avevo già venduto tre anni fa, questo è il passaggio definitivo di qualche cosa che era già accaduto allora – spiega Moratti –
Soprattutto è interessante vedere quello che inizia, cioè un nuovo capitolo con un gruppo molto forte che può essere veramente utile alla squadra".

 

"Questa nuova partnership con Suning Holdings Group porta l'Inter a compiere un passo rivoluzionario verso il futuro", ha detto Thohir. "Nei due anni e mezzo appena trascorsi abbiamo costruito su una solida base già esistente, rinnovando il club, rendendolo ancor più forte e strutturato. Adesso questa nuova partnership ci consente di compiere un nuovo, decisivo, passo in avanti nel progetto di far ritornare la squadra al posto che le compete, tra i top club mondiali".

 

L'Inter è il primo club della serie A a essere acquistato da un gruppo cinese. La scorsa settimana su queste colonne avevamo spiegato il perché del grande interesse di Pechino per i nostri club.

 

"La Cina punta a ospitare la Coppa del Mondo del 2026 e vuole arrivarci con un movimento maturo capace di esprimere una formazione che possa competere a grandi livelli. E per portare a termine questa missione il procedimento è quello solito" [ continua a leggere]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi