Ahi, Tavecchio.

La pazza idea di Renzi: usare l’inchiesta sul calcio per rinnovare i vertici del calcio

Pare che da qualche mese un’ideona frulli nella testa del presidente del Consiglio e del suo entourage. Perché non provare ad azzerare un’altra fetta di establishment, perché non spingere Carlo Tavecchio, democristiano di lunghissimo corso e ineguagliabile navigatore sotto il pelo dell’acqua, a farsi da parte e mettere alla guida della Lega calcio, Pierluigi Collina?

14 Ottobre 2015 alle 06:27

La pazza idea di Renzi: usare l’inchiesta sul calcio per rinnovare i vertici del calcio

Pierluigi Collina (foto LaPresse)

Pare che da qualche mese un’ideona frulli nella testa del presidente del Consiglio e del suo entourage. Perché non provare ad azzerare un’altra fetta di establishment, perché non spingere Carlo Tavecchio, democristiano di lunghissimo corso e ineguagliabile navigatore sotto il pelo dell’acqua, a farsi da parte e mettere alla guida della Lega calcio, Pierluigi Collina: non propriamente fiorentino ma comunque della sezione arbitrale di Viareggio, homo certamente non novissimus ma molto erectus, al di sopra di ogni sospetto e da tutti blandito, uno che agli occhi dei calciomani vale quanto un Cantone, un Gabrielli e un Sabella messi assieme: in una parola il cranio più lucido del football europeo?

 

Da smaliziato erede del noto archetipo berlusconiano, Renzi sa quanto il calcio pesi sulla fantasia e sugli umori degli italiani. Per questo spesso e volentieri dimentica il dovere di riserva a cui dovrebbe essere tenuto dalla carica che ricopre e si lascia andare al tifo di parte, essenziale nella costruzione di cultura nazional-popolare. E sempre per questo, quando Graziano Delrio lascia Palazzo Chigi, redistribuisce tutte le deleghe ma tiene saldamente nelle sue mani quella allo sport. E quando Renzi ha un progetto, la prima occasione che gli si presenta si fa ghiotta tentazione: la gara per l’assegnazione dei diritti di ritrasmissione tv del campionato di serie A in cui secondo la procura di Milano sarebbero stati commessi vari reati, turbativa d’asta, turbata libertà degli incanti e ostacolo all’attività degli organi di vigilanza tocca anche Infront Italy srl, filiale della multinazionale cinese che gestisce la comunicazione sportiva in mezzo mondo, presieduta dal nipote di Joseph Blatter. E lambisce per l’appunto la Lega calcio di cui Infront è advisor per la vendita dei diritti televisivi.

 

[**Video_box_2**]La sponda utilizzata da Palazzo Chigi non è delle migliori, la speranza che le indagini giudiziarie possano servire ad altri obiettivi non sempre si concretizza e a volte si ritorce come un boomerang, quelli del Pd, maggioranza e minoranza unite, dovrebbero essere i primi a saperlo. L’inchiesta dei procuratori milanesi è certamente rigorosa e puntigliosa ma come ogni volta che si va all’attacco di una galassia sovranazionale del potere, si finisce appiedati a fare  inchieste collaterali, a cascata, e dall’una all’altra si finisce con il classico buco nell’acqua. Ci vorrà molto di più di un coinvolgimento marginale per fare saltare la ferrea intesa fra pupi e pupari che regge le sorti della Lega calcio e di cui la presidenza Tavecchio è al tempo stesso espressione e garanzia. Comunque  qualche crepa c’è nell’establishment pallonaro: Blatter è malato, Platini è mezzo inguaiato  e non si sente tanto bene nemmeno Adriano Galliani, padrino del patron di Infront Italy e di Claudio Lotito, a sua volta patron della Lazio e grande elettore e ispiratore, diciamo così, delle azioni di Tavecchio. Insomma le intenzioni di Renzi potrebbero non andare in porto ma di sicuro vengono al momento giusto. Se poi ci riesce, toglie muffe e ragnatele, riaffila gli strumenti ormai spuntati previsti dalla legge Melandri, inietta trasparenza e fa compiere anche al mondo del calcio il salto di generazione allora sarebbe davvero il Capitan Italia del riformismo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi