Filosofi e nuovi (presunti) filosofi

Filosofi e nuovi (presunti) filosofi

Paulo Sousa, allenatore della Fiorentina

La tentazione di pensare che Sarri sia il nuovo Conte, solo con un toupé diverso e occhiali che neanche un saldatore di Bagnoli degli Anni Sessanta, a questo punto è insuperabile. La tentazione di abituarsi troppo rapidamente (rassegnarsi mai) al fatto che Paulo Sousa sia una specie di reincarnazione di Mou è dietro l’angolo, ma a tenerla a bada ci aiuta proprio lui. Che studia da Filosofo, è chiaro, ma finché dice fregnacce tipo: “È bella questa sensazione della gente e della città che ti spingono”, allora noi Orfani del Pensiero Supremo dormiamo tranquilli. Perché il Filosofo di Setubal – checché stia vivendo un periodo che lo livella quasi, come media punti, a Sinisa il Rossonero – ha sempre un pensiero superiore: “E’ sicuramente il periodo più brutto della mia carriera. E’ arrivato tardi, dopo 15 anni, ma è qualcosa che mi sta aiutando a essere migliore”, ha detto. Nonché: “E’ un’esperienza fantastica, ma che non voglio si ripeta”. Ed è questo che ancora fa la differenza con Mancio, uno che invece dice: “Secondo me eravamo un po’ troppo lenti nel far girare la palla”. Lenti? Miguel Gotor sembra Bolt, al confronto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi