Maledizione, ancora Berardi!

Quello tra il sadico e il masochista è un rapporto complicato dove, contrariamente al luogo comune, è il masochista che comanda, stabilisce di volta in volta i limiti da non oltrepassare, in altri termini è lui a governare il ritmo degli slittamenti progressivi del piacere.

18 Maggio 2015 alle 18:01

Maledizione, ancora Berardi!

Quello tra il sadico e il masochista è un rapporto complicato dove, contrariamente al luogo comune, è il masochista che comanda, stabilisce di volta in volta i limiti da non oltrepassare, in altri termini è lui a governare il ritmo degli slittamenti progressivi del piacere. Ebbene, gli abbiamo detto noi di darci dentro a questo Domenico Berardi – per altro uomo ombra della Juventus – che è un buon attaccante, a volte c’è più spesso latita e soltanto quando incontra noi si trasfigura in un concentrato di quei tre davanti del Barcellona? Oppure ha fatto di testa sua, memore dell’irrefrenabile godimento che in passato già ci procurarono i suoi sonori schiaffoni? Se è così o gli mandiamo sotto casa una squadretta di spacciatori strafatti di crack a lavorargli il culo con la fiamma ossidrica in puro stile Pulp Fiction o ce lo compriamo. Come facemmo nel secolo scorso con Jean-Pierre Papin. Dovesse rivelarsi altrettanto pippa, almeno il prossimo anno partiremmo senza un handicap di sette gol. Per i tempi che corrono non sarebbe poi così male.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi