Quelli che vogliono buttar giù il muro della Fifa (e di Blatter)

Cambiare la Fifa, rivoltarla come un calzino, riportare il calcio al centro del villaggio. Un gruppo di politici e dirigenti sportivi di varie nazionalità si è riunito a Bruxelles, alcune settimane fa, presso la sede del Parlamento europeo per lanciare un guanto di sfida all’istituzione che il prossimo 21 maggio compirà 111 anni.
Quelli che vogliono buttar giù il muro della Fifa (e di Blatter)

Joseph Blatter, 79 anni, presidente della Fifa (foto LaPresse)

Cambiare la Fifa, rivoltarla come un calzino, riportare il calcio al centro del villaggio. Un gruppo di politici e dirigenti sportivi di varie nazionalità si è riunito a Bruxelles, alcune settimane fa, presso la sede del Parlamento europeo per lanciare un guanto di sfida (vedremo in seguito quanto forte) all’istituzione che il prossimo 21 maggio compirà 111 anni: “Non c’è mai stato prima un tentativo di mettere insieme una coalizione internazionale, con persone provenienti da istituzioni e organizzazioni differenti, per riformare la Fifa e la sua immagine”, ha dichiarato il parlamentare conservatore britannico Damian Collins, uno dei più accaniti fautori del movimento New Fifa Now (newfifanow.org). La Federazione internazionale ha avuto sei presidenti fino al 1974, tre dei quali britannici. Ma dal 1975 ad oggi ne ha avuti solo due: il brasiliano Joao Havelange e lo svizzero Joseph Blatter, 79 anni lo scorso 10 marzo, in carica dal 1998. Due presidenze molto criticate dagli inglesi, secondo i quali proprio con Havelange è iniziata l’epoca della corruzione e della mancanza di trasparenza, trasformata poi da Blatter in un sistema inattaccabile, da fuori come da dentro.

 

Nel 2010 è nato un gruppo di pressione, ChangeFifa, fondato da un altro inglese, Oliver Fowler, e da un americano, David Larkin. L’obiettivo era quello di creare un organismo dal basso, con accesso al voto e alla carica presidenziale aperti a tutti gli appassionati di calcio, un’utopia di fatto, sposata pure da Damian Collins. ChangeFifa nel 2011 cercò di presentare un proprio candidato contro Blatter, l’ex campione cileno Elías Ricardo Figueroa Brander, che non accettò perché c’era troppo poco tempo per sfidare lo svizzero e fare una campagna elettorale degna di questo nome. Joseph Blatter vinse con 172 voti a favore, 17 contrari e 17 astenuti. Anche in questo caso si chiedeva una riforma della Federazione internazionale e, soprattutto, una maggiore trasparenza economica, attraverso la creazione di una commissione indipendente.

 

Democrazia, trasparenza e responsabilità, questo chiede oggi New Fifa Now lanciando a Bruxelles una Carta per la Fifa e un piano di 10 punti per il cambiamento: “È stato raggiunto il punto di non ritorno”, ha aggiunto Damian Collins convinto di aver lanciato una vera e propria chiamata alle armi. “Abbiamo bisogno di una rivoluzione, è caduto il muro di Berlino, deve cadere anche quello della Fifa”, ha sottolineato Bonita Mersiades, ex membro della federazione australiana di calcio e del board responsabile per l’organizzazione dei Mondiali del 2022. Ognuno con un buon motivo per fare fuori Blatter e ripulire da cima a fondo la Federazione internazionale, che si sta incartando sulle date dell’edizione del Mondiale in Qatar, in ballo tra novembre e dicembre, cioè nel bel mezzo della stagione europea tra campionati e coppe. Secondo Collins è inaccettabile e chiede che la commissione riformatrice della Fifa venga presieduta da un membro dell’Unesco, in grado di cambiare lo statuto, la policy e i membri del comitato esecutivo.

 

[**Video_box_2**]Vista da lontano questa disputa pare tanto rumore per nulla. Però, dopo il rapporto di Michael Garcia sulla corruzione, documentata ma non sanzionata, relativa all’assegnazione del Mondiale del 2018 in Russia e del 2022 in Qatar, la Fifa traballa e la rescissione dei contratti da parte di alcuni sponsor (Sony, Emirates, Continental, Johnson&Johnson e Castrol) fa pensare al peggio, anche se alcuni analisti l’hanno archiviata come un normale ricambio in un’attività commerciale legata a un evento planetario come i campionati del mondo di calcio. Intanto l’azienda di abbigliamento sportivo Skins si è dichiarata primo ‘non’ sponsor ufficiale della Fifa con un video postato su YouTube dal presidente Jaimie Fuller. Il 29 maggio a Zurigo ci saranno le elezioni per il prossimo mandato di presidente e Blatter se la dovrà vedere contro il principe giordano Ali Bin Al Hussein, l’olandese Michael van Praag e il portoghese Luis Figo. Nessuno dei tre al momento ha sposato pubblicamente la causa di New Fifa Now, ma, cosa più importante, nessuno pare in grado di spodestare Joseph.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi