cerca

Non sparate sulle manovre degli altri

I Cinque stelle rivendicano una legge di bilancio a favore del popolo a spese dei potenti, “dopo anni in cui si toglieva ai cittadini e si finanziavano privilegi e sprechi”. Una narrazione contraddetta dai fatti

8 Ottobre 2018 alle 11:04

Non sparate sulle manovre degli altri

Giovanni Tria alla riunione dell'Eurogruppo (foto LaPresse)

"Sarà una manovra che aiuta gli ultimi e fa la guerra ai potenti". “Negli ultimi anni si facevano le manovre in deficit ma non per aiutare i cittadini”. “Con la manovra del popolo aiuteremo la gente”. “Finalmente si inverte la tendenza, dopo anni in cui si toglieva ai cittadini e si finanziavano privilegi e sprechi, noi li tagliamo e finanziamo misure per il popolo”. “Le vecchie leggi finanziarie hanno tagliato la scuola e la sanità, massacrando imprenditori, risparmiatori e consumatori al solo beneficio di banchieri, petrolieri e amici degli amici”.

 

Perché Di Maio e Salvini non possono permettersi di criticare le banche

L’instabilità dei mercati pesa sia sugli istituti di credito, perché cresce la difficoltà a finanziarsi, sia sul governo, perché un aumento dei costi di finanziamento potrebbe in futuro motivare una stretta creditizia

 

Queste sono le parole che ci siamo abituati ad ascoltare nelle ultime settimane, a proposito della nota di aggiornamento del Def. Una nuova lotta di classe sembra alle porte, non più tra lavoratori e imprenditori ma tra popolo ed élite: un conflitto ormai consolidato negli ultimi anni. La narrazione è in particolare portata avanti dal Movimento 5 stelle, che rivendica una legge di bilancio a favore del popolo a spese dei potenti, a differenza delle precedenti finanziarie. Ci stanno dicendo che chi fa parte del popolo riceverà un sollievo dalla manovra, mentre chi ne è esterno – perché non meritevole, come banchieri e petrolieri – ne avrà un salasso. Pauperismo, rivendicazione sociale, populismo, nella stessa narrazione. Ma quanto c’è di vero? Può essere utile una analisi delle precedenti leggi di stabilità della scorsa legislatura per verificare se quanto affermano gli esponenti 5 stelle sia reale o meno.

  

Nella legge di stabilità 2015, la misura principale è stata la decontribuzione associata al Jobs Act per i contratti a tempo indeterminato, per un costo di quasi 14 miliardi in tre anni. Il bonus 80 euro è stato stabilizzato per i lavoratori dipendenti, per quasi 10 miliardi all’anno. Ed è stato introdotto anche il bonus bebè 

 

2014. La legge di stabilità 2014, l’unica scritta dal governo Letta, ha previsto un deficit al 3 per cento. Ha introdotto interventi per decine di miliardi fino al 2016, in particolare il taglio del cuneo fiscale sul lavoro, per circa 3 miliardi di euro, l’incremento delle detrazioni Irpef per i dipendenti (circa 1,5 miliardi). Non sembrano misure a favore solo dei potenti. Sul lato delle imprese invece sono stati disposti sgravi vari e la riduzione dell’Irap per i nuovi assunti a tempo indeterminato, per poco più di 1 miliardo all’anno. Anche dal lato della spesa la legge di stabilità 2014 ha apportato modifiche: ha incrementato le risorse di alcune centinaia di milioni per gli ammortizzatori sociali, per la social card destinata agli acquisti per i meno abbienti, per le università pubbliche, per i disabili, per le politiche sociali e per le scuole paritarie.

 

Per le nuove entrate la legge di stabilità del governo Letta ha incrementato l’imposta di bollo sugli strumenti finanziari (a proposito di regali ai mercati) e altre misure minori. Vi sono stati anche diversi miliardi tagliati sul fronte delle agevolazioni e detrazioni fiscali e dei trasferimenti agli enti locali e alle imprese, come anche derivanti dalla dismissione di alcuni immobili pubblici.

 

2015. La legge di stabilità approvata dal Consiglio dei ministri guidato da Matteo Renzi per il 2015 ha previsto un deficit del 2,6 per cento, in riduzione di quasi mezzo punto rispetto all’anno precedente. La misura principale è stata la decontribuzione associata al Jobs Act per i contratti a tempo indeterminato, per un costo di quasi 14 miliardi in tre anni. Il bonus 80 euro è stato stabilizzato per i lavoratori dipendenti, per quasi 10 miliardi all’anno. La legge di bilancio ha introdotto quell’anno anche il bonus bebè, per quasi 2 miliardi all’anno. Anche la riforma della scuola – la “Buona scuola” – è stata finanziata, per 7 miliardi lordi in tre anni. Lavoratori, dipendenti, famiglie e scuola: quale di queste categorie rientra tra i “potenti”? Per quanto i provvedimenti possano essere criticati sul merito, la narrazione 5 stelle sembra irrealistica.

 

Nuovi fondi a disposizione del governo sono stati previsti dall’aumento della tassazione sulle attività finanziarie (ma d’altronde nessuno aveva tassato banche e finanza, giusto?), dalla riduzione della spesa dei ministeri, delle regioni e dallo split payment per gli acquisti della pubblica amministrazione.

 

2016. La legge di stabilità 2016 ha ridotto il deficit italiano al 2,5 per cento. La misura cardine della finanziaria è stata l’abolizione dell’imposta sulla prima casa, la Tasi, per circa 5 miliardi all’anno. E’ stata inoltre aumentata la no tax area per i pensionati con basso reddito, una categoria tanto cara anche all’attuale governo. L’esecutivo di Matteo Renzi ha introdotto anche un’altra misura molto simile a quanto proposto dal governo populista di Conte: l’innalzamento delle soglie per l’accesso al regime forfettario dei minimi per le partite Iva. Anche sul fronte della povertà qualcosa si muoveva: è stato istituito un fondo apposito di circa 3 miliardi di euro, andato a finanziare il Rei e ora probabilmente dirottato sul reddito di cittadinanza. Tra le altre cose: 270 milioni sono stati stanziati per il sostegno a persone con disabilità gravi, 450 per il fondo per le non autosufficienze e 150 per la prevenzione degli effetti del gioco d’azzardo. Anche le forze di polizia, care al ministro Salvini, avevano ricevuto un bonus di 1.000 euro all’anno, per mezzo miliardo di spesa.

 

Le coperture sono state individuate nella spending review della spesa pubblica, per circa 7 miliardi. Anche il mini-condono sui capitali destinati all’estero, simile nella filosofia alla pace fiscale leghista, ha contribuito per circa 2 miliardi di euro.

 

2017. La legge di bilancio 2017, l’ultima del governo Renzi, ha stabilito un livello di deficit del 2,3 per cento. Le principali misure sono state la riduzione della tassazione sulle imprese di diversi punti percentuali, decisa fin dall’anno prima. E’ stato introdotto l’iperammortamento per gli investimenti coerenti con il piano di Industria 4.0, confermato dal ministro Di Maio. E’ inoltre stata decisa l’Ape, per consentire l’accesso anticipato al sistema pensionistico, in alcuni casi a fronte di una riduzione dell’assegno mensile percepito, in altri a carico dello stato (l’Ape social). Sempre per gli anziani è stata concessa una quattordicesima mensilità di pensione per i redditi bassi.

 

La volontà di rappresentare tutto il popolo è solo un’illusione in economia: di fronte alle scelte c’è chi ci guadagna e chi ci perde, una divisione che neanche nella prossima manovra sembra definirsi nel solco popolo-élite (è proprio il popolo a perderci di più dallo spread, per esempio)

 

2018. L’ultima legge di stabilità, l’unica firmata da Paolo Gentiloni, ha individuato un livello di deficit dell’1,6 per cento, ancora da verificare a consuntivo. La manovra di bilancio ha prorogato il superammortamento per gli investimenti privati delle imprese, come anche l’iperammortamento. Ma la misura principale è stata la decontribuzione del 50 per cento dei contributi previdenziali per lavoratori con meno di 30 anni con contratto a tempo indeterminato. E’ stato inoltre ulteriormente finanziato il fondo contro la povertà, per 300 milioni di euro. Sul fronte delle pensioni sono stati esclusi lavoratori di settori gravosi e usuranti dall’innalzamento automatico per l’accesso alla pensione di vecchiaia. Ancora lavoratori e pensionati: categorie simile a quelle di riferimento per il Movimento 5 stelle.

 

Sul fronte delle coperture sono stati decisi la fatturazione elettronica obbligatoria e altri interventi per ridurre l’evasione fiscale. Ad anno in corso inoltre era stata promulgata una mini-manovra correttiva, che aveva aumentato la tassazione su giochi d’azzardo e fumo. Luigi Di Maio non lo ricorda?

 

Il Movimento 5 stelle ha molto insistito sul fatto che nelle precedenti leggi di bilancio il deficit fosse stato speso per salvare alcuni istituti di credito. Un argomento vero solo per metà: nel 2017 è vero che 0,4 per cento del deficit (circa 6 miliardi e mezzo) è stato utilizzato per l’intervento su Monte dei Paschi di Siena e per la liquidazione delle due banche venete, ma ha impattato solo sul deficit nominale. Non è stato toccato invece il deficit strutturale, cioè quello corretto per gli effetti del ciclo economico e per le misure temporanee (come i salvataggi delle banche). Dunque l’intervento tanto criticato dal Movimento 5 stelle è valso solo poco più del 3 per cento dell’indebitamento complessivo deciso dai governi precedenti negli ultimi anni. Inoltre in parte si è trattato di un intervento a favore dei risparmiatori: il miliardo e mezzo speso nell’operazione Mps è stato destinato agli obbligazionisti subordinati. Ai risparmiatori, non alla banca.

 

Non è vero, per concludere, che gli interventi decisi dai governi precedenti sono andati a “banchieri e amici degli amici”. La stragrande maggioranza dell’indebitamento è stato utilizzato, in alcuni casi momentaneamente, per provvedimenti per stabilizzare il mercato del lavoro (decontribuzione triennale), oppure per finanziare la riduzione delle imposte sulle imprese (Ires, crediti di imposta, super e iperammortamento), oppure ancora per tagliare l’imposta sulla prima casa, o per finanziare il fondo contro la povertà. La negazione della memoria storica recente sulla politica economica italiana da parte del Movimento 5 stelle sembra utile solo alla loro narrazione. Se è pur vero che ogni scelta di politica economica ha dei risvolti sull’equità (parametro a cui i 5 stelle sembrano interessati) – e in questo senso alcune scelte dei precedenti governi possono essere criticate – è d’altro canto vero che i provvedimenti economici quasi sempre hanno anche dei costi, oltre che benefici. Per lo meno un costo opportunità, troppo spesso ignorato dai politici. La volontà di rappresentare tutto il popolo è solo un’illusione in economia: di fronte alle scelte c’è chi ci guadagna e chi ci perde, una divisione che neanche nella prossima manovra sembra definirsi nel solco popolo-élite (è proprio il popolo a perderci di più dallo spread, per esempio).

 

E’ utile soffermarsi infine sull’uso di questa parola sulla bocca ogni giorno degli esponenti del governo: popolo. Il Movimento 5 stelle la usa in modo incessante, anche nello stesso titolo della legge di bilancio. Il professor Jan-Wener Müller ha offerto un’interpretazione di populismo, che può venire in aiuto per analizzare la narrazione dei 5 stelle sulla manovra. Secondo Müller i populisti avrebbero la pretesa di rappresentare in modo esclusivo il popolo, essendo gli unici moralmente all’altezza. Così facendo, tuttavia, finiscono per circoscrivere l’insieme del popolo solo tra i propri elettori, escludendo dalle proprie politiche chi non ne considerano parte. E’ una vera e propria negazione del pluralismo, che si manifesta anche nella continua delegittimazione degli avversari politici non sul piano delle scelte giuste o sbagliate, ma su quello della legittimità morale di fare gli interessi del popolo italiano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Etranger

    08 Ottobre 2018 - 15:03

    Mi pare giusto tutto quello che è scritto nell'articolo. Però ne deriva che non è giusto accusare i 5 stelle perchè fanno debito con il reddito di cittadinanza, ma semmai perchè lo fanno in modo rozzo e dilettantesco. Quanto al populismo, a mio parere ciò che lo caratterizza non è l'ideologia (comunisti, democratici cristiani, fascisti, usavano tutti strumenti populisti per attrarre i voti e i consensi), ma il non avere una classe dirigente che sappia, o voglia, mediare le domande di chi li ha votati con la realtà.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    08 Ottobre 2018 - 13:01

    Io continuo a sostenere la battuta di Totò " Voglio vedere dove vogliono arrivare".

    Report

    Rispondi

  • eleonid

    08 Ottobre 2018 - 13:01

    Ma perché il PD non ha fatto una campagna elettorale incisiva sulla propria linea politica come descritto nella:articolo? .Certo è che il popolo italiano non è fatto solo dagli elettori del PD , tra l'altro risultato minoranza, ma non vedo neanche nel popolo di centrodestra,che ha condiviso col PD gli ultimi 20 anni di vita politica italiana, una pur minima riflessione critica sulle tante menzogne portate avanti dal M5s . Se non sbaglio da quando il mondo è mondo le banche sono state sempre dalla parte dei potenti, e non mi si venga a dire che quelli del centrodestra sono i poveracci dell'Italia?

    Report

    Rispondi

    • stearm

      08 Ottobre 2018 - 14:02

      Il PD è diventato giocoforza l'unico partito che costringe gli italiani a fare sacrifici per tenere sotto controllo il debito pubblico con l'obiettivo di ridurlo nel lungo periodo. Compito certo meritorio, ma che agli italiani suona come anatema. Il problema non è chi non vota PD, ma che l'80% degli italiani odia un partito che li costringe a fare sacrifici. E' un odio profondo, viscerale, come l'odio di un bambino per dei genitori che gli dicono che deve studiare o che si rifiutano di compragli l'ennesimo regalo.

      Report

      Rispondi

      • eleonid

        08 Ottobre 2018 - 20:08

        Vorrei che fosse così da come si sono espressi gli italiani, ma sta di fatto che il debito pubblico nei 5 anni di governo del PD, sembra che sia aumentato. Allora dovremmo ammettere che questo incremento sia andato tutto alle banche? No che io voglia difendere le banche ,lo fanno bene da sole, ma che vengano prese a motivo per denunciare che il PD abbia tradito i valori di quella sinistra moderna protesa verso il mercato , avviata e voluta non da Renzi ma dai maggiorenti del vecchio PDS , mi sembra un'analisi un po' superficiale . Certo non averlo spiegato meglio prima ai propri elettori e poi al resto del paese è stata una grave superficialità, ma è anche una grave superficialità non ammettere che gli obblighi europei devono essere rispettati. Perché se c'e' qualcuno che paga il nostro debito credo che sarebbe un gioco da ragazzi fare promesse di distribuzione di soldi e mandare in pensione a 62 anni . Si vedrà se il nuovo corso politico saprà fare un salto di qualità.

        Report

        Rispondi

        • stearm

          08 Ottobre 2018 - 21:09

          Le dinamiche del debito pubblico sono complesse. Certo, se c'è crisi economica, impossibile ridurre il peso del debito nel breve periodo (il denominatore cala). Sulle banche, non vorremmo mica credere alla favoletta grillino-leghista? Interpretando bene i dati, ogni governo del PD dal primo governo Prodi all'ultimo con Gentiloni è riuscito a tenere sotto controllo il debito cercando di diminuire quello strutturale o comunque di farlo crescere il meno possibile. La prima inversione di tendenza drammatica ci fu con il secondo e terzo governo Berlusconi dove appunto il risanamento dei conti ebbe uno stop proprio quando c'erano le condizioni migliori per ridurlo (basta guardare il Belgio per un esempio virtuoso paragonabile al nostro). Non a caso in quel governo c'era la Lega (quella 'buona', che adesso per miracolo dovrebbe limitare il figliol prodigo) il cui obiettivo primario da quando è stata fondata è appunto di proteggere il Nord dal contribuire alla riduzione del debito.

          Report

          Rispondi

  • stearm

    08 Ottobre 2018 - 12:12

    La società italiana è frantumata. Questo governo mette almeno insieme una parte maggioritaria del Nord e una parte maggioritaria del Sud. A livello di consenso, è una narrazione inclusivamente maggioritaria che ha come collante l'odio verso la 'minoranza'. Infatti, resta un 30% della popolazione che, non solo non si sente rappresentato da questo governo (capita in democrazia), ma è visto dal restante 60% come nemico, come traditore del 'popolo' appunto (Renzi ne è l'emblema). E' una divisione profonda che si pone al di là delle regole democratiche, proprio perchè non accetta l'idea che esistano interessi contrapposti ugualmente legittimi. In pratica una guerra civile simbolica. Il problema è che le istanze delle due parti maggioritarie -dell'elettorato leghista del Nord e dell'elettorato grillino del Sud- non sono compatibili, nel senso che la somma delle loro istanze, se portate avanti coerentemente dalle due forze politiche- porta al collasso economico-finanziario dello Stato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi