Civiltà fantasma

Dalle città dove Bach compose i concerti di Brandeburgo alle province cattoliche di Spagna, avanza un mondo senza le grida dei bambini

Civiltà fantasma

Una scena del film “I figli degli uomini” tratto dal romanzo di PD James, che immagina un 2027 dove non nascono più bambini

A prima vista, Cottbus assomiglia a qualunque altra antica e ordinata città tedesca, con le strade di ciottoli e i palazzi settecenteschi dai colori vivaci, lungo un tratto sinuoso del fiume Sprea. Ma percorrendo le piazze e i vicoli della città, ci si inizia a chiedere dove siano finiti tutti. E come mai non si sentano bambini piangere o gridare. Cottbus, a due ore a sud di Berlino in quella che era la Germania dell’Est, è una vittima prediletta di...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • agostinomanzi

    24 Dicembre 2017 - 17:05

    I figli delle classi subalterne hanno scoperto il benessere - in precedenza appannaggio delle classi dominanti - nella specifica forma chiamata "consumo": viaggi, ristoranti, amanti, tatuaggi, siliconi, cultura a bassa fatica ma ad alto costo (mostre, cinema, tv a pagamento ecc.). Per accedere ai consumi è necessario ridurre le spese e i vincoli: i figli sono i primi a saltare, poi i matrimoni (mai provato a divorziare con uno stipendio da impiegato? paga il mantenimento - se ti spetta farlo -, riattrezza una casa dopo che hai speso bei sghei per il nido di amore ecc.). Scusate la sociologia da due soldi e non supportata da dati e le categorie mentali dell' ottocento . Buon Natale

    Report

    Rispondi

  • mtferrari

    24 Dicembre 2017 - 15:03

    Il perché ? almeno un abbozzo di spiegazione. In un certo senso descrive la fine del mondo... lenta ... ma sicura. Manca la gioia di vivere !!!!

    Report

    Rispondi

Servizi