Ecco dove sono nate e dove si incattiviscono le campagne contro il maschio predatore

La casa degli inquisitori. I comitati etici delle università americane si arrogano il diritto di condannare e licenziare senza un giusto processo

Mattia Ferraresi

Email:

ferraresi@ilfoglio.it

17 Dicembre 2017 alle 06:00

Ecco dove sono nate e dove si incattiviscono le campagne contro il maschio predatore
La campagna contro il maschio predatore è cominciata all’improvviso, come un fiume che spacca un argine e inonda ogni cosa, ma nella realtà era già tutto scritto da tempo. I passi erano stabiliti, le norme approntate, le convenzioni sociali erano mature per sferrare un’offensiva scrupolosamente pianificata e testata. Era già previsto e brevettato anche quel peculiare dispositivo culturale e normativo che permette di condannare de facto gli accusati in assenza di un giusto processo, senza che la procedura appaia in...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • branzanti

    17 Dicembre 2017 - 10:10

    No tranquilli sono sicuro che questa amministrazione riuscirà a depenalizzare lo stupro.

    Report

    Rispondi

Servizi