Little (debt) Italy

30 Novembre 2017 alle 16:23

Dal 2001 il debito pubblico Usa è quasi raddoppiato e supera il 100 per cento del pil

Il debito pubblico totale degli Stati Uniti, nota la Fed, è ormai stabilmente sopra il 100 per cento del pil dalla fine del 2012, dopo una lunga corsa in salita iniziata col nuovo secolo, quando i guasti borsistici della cosiddetta new economy, lo condussero dal 54 al 60 per cento in un paio d'anni. Fu un'anteprima del grande spettacolo andato in scena dal 2007 in poi, quando la consapevolezza di dover salvare da se stesso il sistema finanziario Usa, e quindi quello globale, condusse il governo a non risparmiarsi, e quindi non risparmiare. Sicché dal sonnacchioso 65 per cento di fine 2007 si arrivò all'80 per cento di fine 2009 e da lì, gradino dopo gradino ben oltre il tetto del 100 per cento del pil, che noi italiani frequentiamo da un ventennio abbondante. Era più o meno dove vivevamo prima del 2008. Ma mentre gli Usa arrivavano, noi stavamo già risalendo lassù da dove venivamo e ormai sempre più in alto, a circa il 130 per cento del pil, prosciugando il nostro avanzo primario per servire le nostre mille prebende. La Little Italy (dal grande debito) fa tendenza negli Usa, evidentemente. E d'altronde è sempre stato così.

Maurizio Sgroi

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi