cerca

Gli scrittori latinoamericani tirano fuori il peggio di noi

Roberto Bolaño (elaborazione grafica Il Foglio)

“Bolaño selvaggio” è un libro che fa bene a Bolaño e benissimo ai bolañisti, cioè a tutti noi. E che andrebbe letto da cima a fondo a cominciare dal fondo

Commenta

Purtroppo il caro Senancour s’è perso questa pandemia

Purtroppo il caro Senancour s’è perso questa pandemia

A 250 dalla sua nascita uest’uomo flemmatico, contraddittorio, che detestava Chateaubriand, il suo modo pomposo di scrivere frasi ad effetto, resta ancora un enigma

Commenta

Cari nativi digitali, non potete capire cos’erano le riviste

Donna che legge un giornale in spiaggia, Georges Van Houten

Una fogliata di libri

Cari nativi digitali, non potete capire cos’erano le riviste

La carta era un luogo di dialogo, informazione e gesti, che partendo da una specifica disciplina riverberava a 360 gradi il sentire dell’epoca

Commenta

Il sospetto verso chi crede di poter razionalizzare la vita

“Un seme di umanità. Note di letteratura”, di Piergiorgio Bellocchio, stampato a gennaio da Quodlibet, è un bilancio del lavoro di mezzo secolo

Una fogliata di libri

Il sospetto verso chi crede di poter razionalizzare la vita

I ritratti dedicati da Piergiorgio Bellocchio a una ventina di grandi narratori e intellettuali moderni

Commenta

Fosca, orrendo e sublime gioiello dell’Ottocento italiano

Edvard Munch, “Vampire” (1895)

Fosca, orrendo e sublime gioiello dell’Ottocento italiano

La storia d’amore con la donna più ripugnante della letteratura italiana.Il capolavoro incompiuto di Tarchetti 

Commenta

Il pregio di essere scrittori solo quando si scrive

César Aira (fotoelaborazione Il Foglio)

Una Fogliata di libri

Il pregio di essere scrittori solo quando si scrive

César Aira non è un lanciatore di allarmi o un sottoscrittore di appelli e, soprattutto, non sogna nulla che non possa finire in un suo romanzo. Chi, tra tutti quelli che sono in circolazione, è tanto leale coi suoi lettori?

Commenta

Quando oltre la giovane morte c’è il capolavoro

La morte di Chatterton di Henry Wallis

una fogliata di libri

Quando oltre la giovane morte c’è il capolavoro

Trentacinque anni fa moriva Beppe Salvia. Parlare di lui è parlare della poesia, poesia come incarnazione vivente, come squarcio di presenza e significato

Commenta

Kavafis e la cornice del suo presente assoluto

Kavafis e la cornice del suo presente assoluto

Molti tratti dell'autore greco possono far pensare a quel poeta in senso lato alessandrino che è stato Sandro Penna. Lo ricordano i suoi giovani dèi

Commenta

Quel misterioso filo rosso che lega Sciascia e Dostoevskij

Una fogliata di libri

Quel misterioso filo rosso che lega Sciascia e Dostoevskij

Per entrambi il nucleo generatore è quello del delitto che occupa un posto centrale: qual è il destino di colui che oltrepassa il limite consentito, dunque di chi uccide?

Commenta

Illudersi di essere se stessi: ecco un altro brutto virus

Una fogliata di libri

Illudersi di essere se stessi: ecco un altro brutto virus

Witold Gombrowicz è stato anche uno dei più fragorosi punti esclamativi della Letteratura, e sarebbe sufficiente leggerne anche solo i due Diari per capirlo

Commenta

Samuel Johnson e la scrittura come forma di riparazione

(foto Wikipedia)

una fogliata di libri

Samuel Johnson e la scrittura come forma di riparazione

Il lavorìo continuo, in una Londra popolata di vagabondi e miserabili, era forse l’unico rimedio in grado di dare equilibrio al suo umore perennemente melancolico

Commenta

Più Visti

Multimedia

Servizi