cerca

La grande letteratura parla di sciocchezze. E va bene così

È pura sartoria di rammendo, o meglio, un grandioso tentativo di rammendo dello stesso centimetro. È il fumo di un arrosto che non c’è

Commenta

La vita di Dario Bellezza sovrapposta alla sua opera

Dario Bellezza (foto LaPresse)

una fogliata di libri

La vita di Dario Bellezza sovrapposta alla sua opera

Il sesso come antidoto fugace al dolore, lo svuotamento come indizio di pace, breve, brevissima

Commenta

Il papà del Gattopardo è un bimbo mai cresciuto

una fogliata di libri

Il papà del Gattopardo è un bimbo mai cresciuto

Nell'ultimo libro di Simona Lo Iacono, che delinea il ritratto di Giuseppe Tomasi di Lampedusa dall’infanzia fino alla morte, ogni cosa inizia quando sta per finire

Commenta

Camillo Sbarbaro è il padre del nostro Novecento poetico

Camillo Sbarbaro è il padre del nostro Novecento poetico

Il poeta che introdusse nell’arena del verso temi e paradossi umani tipici del secolo che lo videro sorgere e tramontare

Commenta

Siamo ridicolo tempo che mendica eternità e grazia

Giorgio De Chirico, Melanconia di una bella giornata

Siamo ridicolo tempo che mendica eternità e grazia

Come si è annacquata esperienza estetica nell’era dei social e perché si è ridotta a mera “arte del like” che “vuol soltanto piacere, non scuotere”

Commenta

La capacità d’intimidire del progressista colto

Il padrone che batte il servo, particolare di un mosaico romano

La capacità d’intimidire del progressista colto

Certi intellettuali attribuiscono indulgentemente le opinioni sgradite espresse dai meno privilegiati alle fatiche di una vita oscura. Il presupposto è che “se sapessero” la penserebbero come loro

3commenti

Oates e la tragedia che sempre ci apparterrà

Joyce Carol Oates (foto Cosima Scavolini/Lapresse)

Oates e la tragedia che sempre ci apparterrà

Un’indagine affilata, implacabile negli abissi dell’animo umano attraverso le forme del tragico a trecentosessanta gradi

Commenta

Come sempre, il problema è nelle cattive letture

“Amore, com'è ferito / il secolo”. Una poesia di Giorgio Caproni al giorno farebbe bene a chiunque (foto LaPresse)

Una fogliata di libri

Come sempre, il problema è nelle cattive letture

Una poesia di Giorgio Caproni al giorno farebbe bene a chiunque, perché ci ricorda che non possiamo non esserci, per quanto dolga

Commenta

Luce per chi non si sente degno

George Seurat, Studio per un "Una domenica pomeriggio sull'isola della Grande-Jatte" (1884)

Luce per chi non si sente degno

La poesia di Giovanna Sicari, voce di poetessa immortale

Commenta

Più Visti

Multimedia

Servizi