Ha stupito la presentazione dei palinsesti

Diciamocelo: Campo Dall’Orto stavolta forse l’ha azzeccata e la presentazione dei palinsesti ha stupito. Dopo molti, troppi, mesi di attesa un po’ a sorpresa Campo ha piazzato il colpo e inizia a prendere corpo la nuova Rai: un terzo di programmi nuovi, il ritorno di un paio di big della tv.
Ha stupito la presentazione dei palinsesti

Monica Maggioni, presidente Rai e Antonio Campo Dall'Orto, Direttore generale Rai (foto LaPresse)

Diciamocelo: Campo Dall’Orto stavolta forse l’ha azzeccata e la presentazione dei palinsesti ha stupito. Dopo molti, troppi, mesi di attesa un po’ a sorpresa Campo ha piazzato il colpo e inizia a prendere corpo la nuova Rai: un terzo di programmi nuovi, il ritorno di un paio di big della tv non certo vicini al pensiero renziano da Santoro a Lerner con le riconferma significative della Gabbanelli, di Iacona e della banda Zoro. Programmi nuovi (“Nemo”, che parlerà di chi in questo paese è rimasto indietro, e “Sono innocente”, sul problema giustizia nel nostro paese). Sarà un caso ma da 48 ore ancora non è stato registrato nessun attacco da parte di Michele Anzaldi: si scompone così il trio Gasparri/Brunetta/Anzaldi che sinora aveva bocciato ogni sospiro della nuova Rai. Con l’elmetto in testa resta solo il soldato Minoli: lui non ha mai nascosto lo scetticismo sulla scelta di Campo Dall’Orto a nuovo dg. Il più bravo in circolazione secondo Minoli infatti era Minoli medesimo, e così anche ieri dalla sua trasmissione “Mix 24” ha liquidato rapidamente i nuovi palinsesti come “vecchi”, poco prima di passare la linea alla rubrica medica che ha voluto nella sua trasmissione, curata dal professor Roberto Bernabei (fratello di sua moglie).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi