cerca

I veterinari smontano la bufala novax dei cani autistici

Nel Regno Unito i padroni non vogliono più far vaccinare i propri animali domestici. Quanto ci vorrà perché l’antivaccinismo canino esondi anche sulle nostre coste? 

27 Aprile 2018 alle 19:35

I veterinari smontano la bufala novax dei cani autistici

Il movimento antivax è arrivato anche dal veterinario. Il complottismo ha fatto il “salto di specie” e dai cuccioli d’uomo ora tocca quelli a quattro zampe. Su queste colonne avevamo già raccontato di come nei quartieri americani dove “la segregazione hipster è più pronunciata”, i padroni di cani e gatti non vogliono più farli vaccinare. Non vogliono proteggere i loro animali domestici dall’epatite o dalla rabbia per la stessa ragione per cui gli adepti del movimento antivaccini non vogliono immunizzare i loro figli. Temono, sulla base di studi farlocchi, che diventino autistici.

  

Ma l’unica vera epidemia, che si diffonde senza bisogno di malvagie case farmaceutiche né inoculazioni a tradimento, è la bufala novax. Si diffonde più rapida della peste nera, senza bisogno di stive affollate o topi infetti. Vola sulle ali dell’uccellino blu, si trasmette con post condivisi nei social network, si riproduce tra tweet e blog complottisti. La balzana teoria è già sbarcata nel Regno Unito – alla faccia dei dazi, o forse potere del Commonwealth – tanto che la British Veterinary Association si è sentita in dovere di rilasciare una dichiarazione sorprendente questa settimana: Keep calm and i cani non possono sviluppare l'autismo.

  

Lunedì scorso, il programma televisivo "Good Morning Britain" ha invitato i proprietari di animali convinti che questi fossero diventati autistici dopo la vaccinazione, a scrivere le loro esperienze su Twitter. Il giorno dopo, l'associazione veterinaria britannica ha tuittato: "Aumentano i proprietari di animali da compagnia antivaccinisti. Al momento non ci sono prove scientifiche affidabili che indichino l'esistenza dell’autismo nei cani (o un suo eventuale legame con i vaccini). BVA sarà felice di fornire informazioni evidence-based sulla questione". Il Comitato indipendente per i prodotti veterinari della Gran Bretagna, che ha esaminato tutti i vaccini per cani e gatti autorizzati nel Regno Unito tra il 1999 e il 2002, ha concluso che "l'analisi complessiva dei rischi/benefici mostra fermamente il continuo uso di vaccini".

  

Quanto ci vorrà perché l’antivaccinismo canino esondi anche sulle nostre coste, tanto porose all’import di boiate dal resto del mondo?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi