Antivaccinismo a 5 stelle, istruzioni per l'(ab)uso

“Dire che il MoVimento 5 Stelle è ‘contro i vaccini’ è una sciocchezza”, titolava il blog di Beppe Grillo pochi giorni fa. Eppure dal comico genovese in giù in molti del M5s si sono espressi negativamente contro. Breve bestiario

Antivaccinismo a 5 stelle, istruzioni per l'(ab)uso

Conferenza sui vaccini organizzata da Adriano Zaccagnini (foto LaPresse)

“Dire che il MoVimento 5 Stelle è ‘contro i vaccini’ è una sciocchezza”, titola un post sul blog di Beppe Grillo. Segue argomentazione dell’immunologo Guido Silvestri: “È possibile che ci siano state, in passato, affermazioni di alcuni esponenti M5s sul tema dei vaccini che hanno creato confusione. Ma oggi, nel 2017, e per quello che sto vedendo, sostenere che il MoVimento 5 stelle è ‘contro i vaccini’” è, insomma, una bischerata. In effetti, a leggere le dichiarazioni di vari esponenti del M5s sui vaccini, si percepisce una certa fiducia nella medicina. Lo stile è: “Io non sono contro i vaccini, ma…”, che ricorda il buon vecchio “io ho tanti amici gay, ma…”.

 

“Un bambino su 150 soffre di autismo. Venti anni fa solo uno su 2.000. Gli scienziati attribuiscono la crescita all’inquinamento ambientale, alimentare e da vaccini e farmaci”. 

Beppe Grillo, 8 aprile 2007

 

“Dei vaccini bisognerebbe discutere con estrema prudenza. Non sono un esperto né di sanità, né di vaccini ma vedo e leggo molte voci che richiamano alla prudenza sull'utilizzo di questi strumenti medicali per prevenire determinate malattie… Ci sono degli studi che sembrerebbe che evidenzino dei problemi in seguito a determinati vaccini che potrebbero sorgere nei bimbi e come genitore vorrei fare una scelta consapevole sul discorso della vaccinazione” 

Giacomo Giannarelli, già candidato governatore della Toscana per il M5S, in un’intervista a Fanpage.it, 21 maggio 2015

 

“C’è una sentenza che sostiene che il vaccino può causare l’autismo… La gente non si vaccina più perché non crede più alle case farmaceutiche e al Ministero della Salute. Oggi qualche cosa dicono (queste istituzioni) ti fai quattro domande: ‘Perché lo stanno dicendo? Forse c’è un interesse dietro a quello? Le case farmaceutiche devono vendere qualche cosa? Si sono trovati un vaccino che non sanno cosa farci e ce lo vogliono somministrare?’” 

Paola Taverna, senatrice M5S a Piazza Pulita, La7, 22 ottobre 2015

(Paola Taverna a Piazza Pulita, La7, al min 2:10) 


 

“Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin… sta varando un nuovo Piano di Vaccinazione Nazionale che sembra non tener assolutamente conto di tutte queste valutazioni perché, ad esempio, non rimuove l’obbligatorietà e mira a incrementare la copertura vaccinale anche dove non è assolutamente giustificata. Una vaccinazione di massa obbligatoria è un regalo alle multinazionali farmaceutiche ed è quanto di più lontano ci possa essere da un approccio appropriato. L’appropriatezza in medicina vuol dire ‘fare esattamente ciò che serve’, evitando di fare ciò che è superfluo. Tra vaccinare tutti e non vaccinare nessuno, c'è una via di mezzo molto più appropriata, e cioè vaccinare di meno e vaccinare meglio!”

Dal blog M5S Europa, 27 ottobre 2015. 

 

“L’unico Paese al mondo dove esistono dieci vaccini obbligatori è l’Italia… Sei obbligato a curarti. Vedrete se non tireranno fuori anche l’obbligo di giocare d'azzardo. Il gratta e vinci obbligatorio!… Il vaccino è: prendi un bambino sano, di neanche un anno, col suo sistema immunitario perfetto. Gli inoculi un virussino, in modo che lo abitui un po'. Nel caso che arrivi un virus più grosso, il virussino che son anni che gira gli fa un culo così. Se però il virus grosso non arriva, il virussino rimane li in giro. Oltre al virussino c'è anche un po' di mercurio... Allora abbassano il sistema immunitario e non abbiamo più difese immunitarie”.

Beppe Grillo nel corso dello spettacolo Apocalisse Morbida, 1998 

La “truffa” dei vaccini secondo Grillo (in un video di qualche anno fa)

Ecco cosa diceva il comico durante i suoi spettacoli. Oggi, attaccato dal New York Times, si difende: “Nessuna campagna antivax del M5s”. Forse ha cambiato idea 

“Di vaccino si può morire. Sono convinto che le persone debbano essere messe al corrente dei pericoli che comportano a certe pratiche vaccinali. Io ho visto con i miei occhi ed ascoltato per due giorni il martirio raccontatomi da un padre che ha perso due figli e ha dovuto portare un fardello troppo pesante se si considera che la colpa non è ne sua, ma altri, di una sanità con troppi interessi economici a discapito della salute dei cittadini. Questa è la storia di Alberto Tremante e della sua famiglia, la tragica storia di un ragazzo che a seguito del vaccino antipolio ha subito danni irreversibili. E' la storia di un padre e di una madre che hanno subito la perdita di due figli, ma che hanno saputo lottare contro tutto e tutti per salvare la vita ad Alberto, è la storia d'amore di un padre coraggioso che tutti dovremmo prendere come esempio”. 

Blog di Beppe Grillo, Nik il nero, 8 giugno 2010

 

Movimento 5 stelle Europa, 27 ottobre 2015

  

Proposta di legge, 12 febbraio 2014 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Lou Canova

    03 Maggio 2017 - 16:04

    I politici non devono né potrebbero essere esperti tuttologi ovvamente: la grande differenza tra chi critica i grillini e questi ultimi è che i primi si attengono sui vaccini alla posizione universalmente condivisa dagli istitutuzioni scientifiche mondiali, mentre i secondi rilanciano tesi scientificamente inconsistenti sostenute da ciarlatani.

    Report

    Rispondi

  • hovannes1941

    03 Maggio 2017 - 14:02

    Il pericolo italiano è che qualche 'fighetty' straniero ripeta le fighetterie antiberlusconiane del 2011, appoggiandosi ai grilli di turno. Sembra per fortuna che la storia non si ripeta, per ora, e che il Nyt abbia cambiato comportamento (effetto Trump?)

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    26 Aprile 2017 - 12:12

    E' veramente scandaloso che il Movimento 5Stelle si interessi alla questione dei vaccini. Non mi pare che i suoi dirigenti siano scienziati di medicina.

    Report

    Rispondi

    • Sale75

      26 Aprile 2017 - 16:04

      Perché scusi le risulta che tutti i politici pro vaccino da Renzi in giù che straparlano ogni giorno su giornali e tv sono 'scienziati di medicina'?

      Report

      Rispondi

      • Giovanni Attinà

        26 Aprile 2017 - 17:05

        Le considerazioni che ho fatto per il Movimento 5 Stelle valgono anche per Renzi e compagni. La questione è medica, non certo politica. Solo che i politici discettano non questioni non politica, invece di affrontare i problemi deli Italiani, riferiti al rilancio dell'economia e alle problematiche collegate.

        Report

        Rispondi

Servizi