cerca

Un braccialetto per i detenuti-lavoratori

Non per controllare i loro movimenti ma per calcolare la paga quotidiana

3 Febbraio 2019 alle 06:00

Un braccialetto per i detenuti-lavoratori

(Foto Pixabay)

Trenta detenuti del carcere di Rebibbia faranno lavori utili alla comunità, tipo pulire i parchi e rifare le strade. La sindaca Raggi è contenta, i romani pure. I detenuti, in parte. Per ora non saranno pagati per lavorare. Quindi potrebbero dotarli di un braccialetto elettronico, non per controllare i loro movimenti ma per calcolare la paga quotidiana. Casomai decidessero di retribuirli potranno chiedere gli arretrati.

Alberto Brambilla

Alberto Brambilla

Nato a Milano il 27 settembre 1985, ha iniziato a scrivere vent'anni dopo durante gli studi di Scienze politiche. Smettere è impensabile. Una parentesi di libri, arte e politica locale con i primi post online. Poi, la passione per l'economia e gli intrecci - non sempre scontati - con la società, al limite della "freak economy". Prima di diventare praticante al Foglio nell'autunno 2012, dopo una collaborazione durata due anni, ha lavorato con Class Cnbc, Il Riformista, l'Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI) e il settimanale d'inchiesta L'Espresso. Ha vinto il premio giornalistico State Street Institutional Press Awards 2013 come giornalista dell'anno nella categoria "giovani talenti" con un'inchiesta sul Monte dei Paschi di Siena.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    03 Febbraio 2019 - 22:10

    Ottima idea in previsione del reddito di cittadinanza. I beneficiati potrebbero utilizzarlo per ottimizzare la logistica tra il bar, durante le ore da dedicare alla comunità, e i parcheggi abusivi che gestiscono abitualmente.

    Report

    Rispondi

Servizi