Salta il piano buche di Raggi, ma per l'assessore Gatta (M5s) la colpa è dell'opposizione

Scene grottesche in commissione Trasparenza. E' lo stesso assessore al Bilancio a smentire gli annunci in pompa magna fatti dalla Giunta: "Gli stanziamenti sono già sufficienti", dice Lemmetti

4 Maggio 2018 alle 18:18

La geometria delle alleanze politiche e le buche di Roma. Di cosa parlare a cena

Le buche stradali causate dalla pioggia a Roma (foto LaPresse)

"Lo stanziamento ulteriore di risorse sulla manutenzione straordinaria delle strade viene fatto dall'Assemblea capitolina, se non è stato fatto vuol dire che ci sono ancora gli stanziamenti del bilancio di previsione e per questo non ci sono nuove risorse".

 

Le parole di Gianni Lemmetti, l'assessore al Bilancio di Roma Capitale che questa mattina ha parlato durante la commissione capitolina Trasparenza, hanno un significato preciso: il piano Marshall per le buche annunciato in pompa magna dalla giunta Raggi con 17 milioni nuovi nuovi era una bufala. Nessuna novità, in realtà. Lo avevamo già raccontato qualche settimana fa, ma l'improbabile assessore ai Lavori pubblici del Campidoglio, Margherita Gatta, ha continuato negli scorsi giorni a negare l'evidenza. Eppure, anche il ragioniere generale del Campidoglio, Luigi Botteghi, ha sostenuto durante la commissione di questa mattina la stessa e lapalissiana cosa spiegata da Lemmetti: "Il bilancio ancora non permette interventi ulteriori perché gli stanziamenti sono già sufficienti. Poi da luglio in sede di assestamento si faranno altre valutazioni. Vincolare altri fondi adesso sarebbe uno spreco di risorse". 

 

Ma Gatta non ci sta. E così se l'è presa con le opposizioni incapaci di capire e terribilmente venali: "Ma perché con risorse intendete sempre e solo soldi? Il personale ha lavorato giorno e notte per risolvere i problemi, con uno sforzo h24. Non sono risorse in più queste?". Caustico il commento della consigliera di opposizione, Svetlana Celli: "Ma che vuol dì? Uno parla di un intervento specifico e lei me parla dell'impegno delle persone!". Ma Gatta è incontenibile: "È tutta colpa vostra - s'infuria - voi non avete mantenuto decentemente le strade e avete fatto le gare in urgenza affidandole in modo ambiguo. Noi, invece, non abbiamo fatto nessuna somma urgenza e debiti fuori bilancio. Procedimenti più lunghi, ma fatti bene". Poi, non contenta di litigare con le opposizioni, l'assessore inizia a battibeccare con la sua collega di maggioranza, la consigliera comunale Monica Montella, che cercava di aiutarla. "Ci sono delle criticità nell'impiego delle risorse stanziate perché si fanno le cose in modo regolare", dice Montella. "Ma quale criticità!", s'indigna Gatta ringhiando dal naso. L'assessore Lemmetti, intanto, si alza dalla sedia e, procedendo verso la finestra, s'infila le mani tra i capelli, mentre alcuni cronisti fanno le condoglianze alla sorridente, preoccupata e incolpevole addetta stampa dell'assessore, che tenta di riderci su: "Dopo vi offro da bere!".

 

Gatta intanto va avanti come un treno: "Noi stiamo cambiando il paradigma...noi innoviamo!". Poi, per spiegare l'innovazione, annuncia: "Stiamo indagando su un asfalto molto, molto speciale! ". E poi: "Noi facciamo formazione: abbiamo introdotto dei corsi per le nostre squadre in merito alla segnaletica stradale!".

 

A chiudere la surreale commissione, con addetti stampa, giornalisti e lo stesso assessore Lemmetti – che spesso hanno mandato gli occhi al cielo e si sono guardati tra l'attonito e il sarcastico – è stato il neo consigliere pentastellato, Francesco Ardu, che ha sostituito il consigliere Alisia Mariani, dimessasi perché diventata mamma: "Non capisco perché polemizzare. L'assessora ha detto che le risorse ci sono. Sono 17 milioni!". Risate e forse un rimpianto per l'assessore Lemmetti che precedentemente aveva fatto le corna quando, dopo uno starnuto prolungato, qualcuno aveva ironizzato sulla sua morte e un possibile ennesimo cambio in Giunta. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    04 Maggio 2018 - 20:08

    Nel frattempo -attendendo che il piano buche si realizzi- le buche potrebbero essere recintate e titolate in primis a Raggi e poi a seguire i suoi pentastellatici.

    Report

    Rispondi

Servizi