cerca

Ren Hang e le similitudini tra censura cinese e censura social californiana

Se si ama la libertà europea si visiti la mostra postuma di un grande fotografo cinese, al Centro Pecci di Prato

23 Giugno 2020 alle 06:00

Ren Hang e le similitudini tra censura cinese e censura social californiana

Si vada a vedere, fino al 23 agosto al Centro Pecci di Prato, la mostra del fotografo cinese Ren Hang come si va a vedere la mostra di un anticipatore e di un martire. Hang, più volte arrestato e poi suicida nel 2017 a soli 29 anni, aveva capito che la censura non è un’esclusiva cinese, come invece piace pensare agli occidentali privi di un pensiero personale e dunque al sicuro da rappresaglie. Dopo aver lavorato negli Usa, disse: “Per me la questione della censura è quasi la stessa in entrambi i paesi. Quando facevo le foto a Central Park ero comunque preoccupato che i poliziotti potessero arrivare a fermarmi”. I nudi di Hang, giovani e tristi, poveri ed eleganti, spudorati e aggraziati, possono piacere o non piacere. A me piacciono ma non è questo il punto. Il punto è che Hang rivela la parentela fra censura comunista cinese e censura social californiana, sotto la cui scure cade qualunque forma di espressione occidentale indipendente, non importa se prodotta dal presidente degli Stati Uniti o da un artista realista. Si visiti la mostra postuma di un grande fotografo cinese, se si ama la libertà europea.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi