cerca

Il blackout della ragione di alcuni artisti italiani su Instagram

Quando a dozzine hanno postato un quadrato nero contro il razzismo della polizia Usa, ciechi di fronte alle molte sfumature della faccenda, ho avuto pena per loro

4 Giugno 2020 alle 06:00

Il blackout della ragione di alcuni artisti italiani su Instagram

Tutti parlano di un razzismo anti-neri serpeggiante nella polizia americana. Non lo so, non abito in America. Nessuno parla del razzismo anti-bianchi dilagante nell’arte internazionale. Questo invece lo so perché leggo libri e sfoglio cataloghi e vedo come negli ultimi anni molti artisti neri siano stati valorizzati proprio per il colore della loro pelle, grazie a un razzismo speculare rispetto a quello dei razzisti vecchia scuola. Ovviamente togliendo spazio ad artisti bianchi e dunque inutili ai fini della strumentalizzazione politica dell’arte. Per fare dei nomi: se domattina Tacoumba Aiken e Sadie Barnette e Kehinde Wiley e Lauren Woods si svegliassero sbiancati non se li filerebbe più nessuno... E così quando dozzine di artisti italiani hanno postato su Instagram un quadrato nero contro il razzismo della polizia Usa, alcuni di loro anche amici, alcuni di loro anche bravi ma tutti in preda a un violento contagio mimetico, a un blackout della ragione, e dunque ciechi di fronte alle molte sfumature della faccenda (a cominciare dai saccheggi, dalle censure, dalle violenze perpetrate dai cosiddetti antirazzisti), ho avuto pena per loro e avrei voluto gridare: guardatevi allo specchio, la carriera di vittime vi è negata! Una mostra in un importante museo americano non la farete mai! Rimarrete confinati nel vostro piccolo ghetto nazionale! Ma ho taciuto per non essere linciato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fabriziocelliforli

    04 Giugno 2020 - 20:25

    erano c(i)echi in senso slovacco! ecco svelato l'arcano inesistente oppure esistente in ludolinguistica dilettante quale mi onoro di essere in qualunque campo.

    Report

    Rispondi

  • uncertosguardo

    04 Giugno 2020 - 19:51

    La seguo sempre con interesse ma questa volta ritengo il suo parallelismo decisamente fuorviante. Secoli di sistematico razzismo, un continente de facto depredato e la complessità delle tensioni razziali in USA non sono certo accostabili al favoritismo di facciata sugli artisti. Facendolo sposta l'asse del ragionamento in un territorio demagogico e vacuo. Forse la pena in questo caso è per la caratura della sua riflessione.

    Report

    Rispondi

  • Skybolt

    04 Giugno 2020 - 18:02

    Black is the new red (che casino cromatico, cosa ne penserebbe la Buonanima? Penserebbe ad una vittoria postuma? Domani esco in orbace. Ho già l'autocertifcazione.

    Report

    Rispondi

  • Chichibio

    04 Giugno 2020 - 15:36

    A postare quadrati, neri per l'occasione, o d'altri colori secondo convenienza, son capaci tutti. Da tempo, anche in arte, uno vale uno.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi