cerca

Alla ricerca dei "cibi santi" perduti

Ci vorrebbe un Andrea Ghiozzi in ogni diocesi d’Italia: lo si scopra e lo si offra al mondo, o almeno a quella porzione di mondo che al ristorante cerca ristoro, conforto, senso

3 Giugno 2020 alle 06:00

Alla ricerca dei "cibi santi" perduti

La torta fritta di Andrea Ghiozzi, Trattoria al Duomo di Fidenza (foto Pinterest)

Tradizionale? Tipico? Territoriale? Sono tutti troppo vecchi, ormai inservibili, gli aggettivi per definire la cucina che mi piace. Ci voleva Vittorio Sgarbi per trovarne uno perfetto: evocando i piatti cucinati da Andrea Ghiozzi nella Trattoria al Duomo di Fidenza (suprema torta fritta, sublimi tortelli di erbette) ha parlato di “cibi santi”. Degustando l’aggettivo ho percepito una buona dose di Quarto Comandamento (onora le ricette delle madri) e un pizzico di Decimo (non desiderare la cucina d’altri). Ho sentito profumo di sacro, ho immaginato commensali che diventano confratelli, ho sognato una tavola che si fa cenacolo. “Cibi santi” ossia che creano legami attraverso un rituale: liturgia e ghiottoneria. Ci voleva Vittorio Sgarbi, ci voleva la torta fritta di Andrea Ghiozzi, ci vorrebbe un Andrea Ghiozzi in ogni diocesi d’Italia (non in ogni provincia: in ogni diocesi) e forse esiste già ma va scoperto e allora lo si scopra, lo si estragga dalla sua umiltà e lo si offra al mondo, o almeno a quella porzione di mondo che al ristorante cerca ristoro, conforto, senso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Alessandro2

    Alessandro2

    08 Giugno 2020 - 16:36

    Perfetto: uno dei piaceri della vita, girare l'Italia lentamente, sentire profumi e dialetti, e scoprire la cucina ed il vino locali. Perciò sì, santi. Ogni comandamento potrebbe essere adattato alla gastronomia territoriale, ma non voglio essere blasfemo; mi limito a constatare che sicuramente mangiando i cibi dei nostri avi onoriamo il padre e la madre.

    Report

    Rispondi

Servizi