La libertà sottratta dall'aumento delle tasse e dalle associazioni incoerenti

Camillo Langone

Nuove tasse sul contante per distruggere l'ultimo residuo della sfera privata

Nel capovolgimento generale che stiamo vivendo, sempre più istituzioni combattono ciò che per statuto dovrebbero promuovere. La Chiesa cattolica attraverso il Sommo Pontefice smentisce l’unicità salvifica di Cristo (ad esempio col documento indifferentista di Abu Dhabi) e adesso la Confindustria attraverso il suo centro studi si scaglia contro quel poco che resta di libertà d’impresa. In Viale dell’Astronomia chiedono (nuove) tasse sul contante, per distruggere ciò che Enzensberger ha definito “ultimo residuo della sfera privata”. Per Gotti Tedeschi, e per chiunque conosca non dico Milton Friedman, un po’ di logica, “ogni aumento delle tasse indebolisce la libertà dell’individuo e il sistema economico”. Dove potranno rifugiarsi gli amici della ragione scacciati dalle parrocchie e dal Sole 24 Ore? Forse in Assoenologi, che non mi risulta promuovere il consumo di birra. Oppure nel Fai, che non sta sollecitando l’abbattimento delle ville palladiane. Associazioni coerenti, serie.

  • Camillo Langone
  • Vive a Parma. Scrive sui giornali e pubblica libri: l'ultimo è "Eccellenti pittori. Gli artisti italiani di oggi da conoscere, ammirare e collezionare" (Marsilio).