L'Oceano Atlantico visto da una spiaggia di Cuba (foto LaPresse)

Vacanze oceaniche

Camillo Langone

Quelli che repellono l'umanità al punto da cercare la pace in mare aperto

Mai così tanti amici sono partiti per l’Oceano Atlantico. Portogallo o Spagna o Francia non importa: purché sia Oceano. Tutto ha un senso e anche il boom delle vacanze oceaniche ce l’ha, credo esprima un desiderio di purezza ovvero un rifiuto della contaminazione. Il Mediterraneo è un piccolo mare affollato, zeppo di gente, di sbarchi, di concerti, di polemiche, di puzza, rumore, sporco. Caldo come una piscina gonfiabile sotto il sole piena di bambini che ci pisciano dentro. L’Oceano è immenso, profondissimo, sublime. Pericoloso. Freddo. Disumano. Io non ci vado perché non ho mai fatto un giorno di vacanza in vita mia, e non comincerò certo quest’estate, ma le altrui vacanze oceaniche confortano anche me, mi avvisano che non sono poi così anormale, che non sono l’unico misantropo, che anche a tanti amici sedicenti democratici repelle l’umanità.

Di più su questi argomenti:
  • Camillo Langone
  • Vive a Parma. Scrive sui giornali e pubblica libri: l'ultimo è "Eccellenti pittori. Gli artisti italiani di oggi da conoscere, ammirare e collezionare" (Marsilio).