cerca

Pochi secondi letali di Bocelli e Baglioni a Sanremo

Ad accomunarli la mancanza di misura, l’assenza di grazia, e l’idea che il canto sia una questione di decibel

7 Febbraio 2019 alle 06:00

Pochi secondi letali di Bocelli e Baglioni a Sanremo

Festival di Sanremo 2019, prima serata con Andrea Bocelli e Claudio Baglioni (foto LaPresse)

Si dice che il caso sia lo pseudonimo di Dio. Forse è stato Dio, pertanto, a farmi passare davanti a un televisore proprio nel momento del duetto fra Vocione e Stridulo. Avevo deciso di risparmiarmi il festival per motivi politici: temevo predicozzi invasionisti. Ugualmente mi è capitato di vederne un frammento, non politico bensì musicale. Pochi secondi ma letali: ognuno dei due gorgheggiatori ha uno specifico problema canoro, questo lo sapevo, ma non sapevo che in coppia potessero rappresentare un simile affronto a Santa Cecilia e alle muse tutte. Vocione tenoreggiava sull’orlo del ridicolo, mentre Stridulo al posto delle corde vocali dimostrava di avere delle unghie, le famose unghie sulla lavagna: ad accomunarli la mancanza di misura, l’assenza di grazia, e l’idea che il canto sia una questione di decibel. Forse è stato Dio a farmi passare davanti a un televisore proprio quando c’erano Bocelli e Baglioni: per farmi tornare a Palestrina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Marco Augusto

    08 Febbraio 2019 - 13:01

    solo un inglese poteva chiedersi perche"mai Bocelli non usava almeno degli occhiali con lenti sfumate...Un Impero non e"una barzelletta per noi italianuzzi.

    Report

    Rispondi

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    07 Febbraio 2019 - 16:04

    Grazie, Camillo da Parma, di avermi riportato un attimo al tradizionale buongusto tutto e solo parmigiano che ai bei tempi dai "loggòn" pioveva sul proscenio incoronando o bocciando irrimediabilmente la voce che aveva cantato, senza sapere né voler sapere prima chi fosse, misurandola proprio principalmente sul metro sublime della "grazia espressiva". Così come la musa le aveva ispirate al mio Pepìno Verdi.

    Report

    Rispondi

  • ar1ar50

    07 Febbraio 2019 - 16:04

    veramente brutta. Brutta ... brutta. Ma è proprio così. amen.

    Report

    Rispondi

Servizi