Non mi serve leggere Houellebecq per sapere che devo morire

Camillo Langone

Ho abbandonato "Serotonina" a pagina 107

Come molti mi sono messo a leggere “Serotonina”, come pochi, immagino, ho lasciato a pagina 107. Non perché scritto male, anzi, ma perché ho già letto molti libri di Houellebecq, ho letto i romanzi di Paolo Bianchi, l’Houellebecq italiano, gli articoli di Giulio Meotti e Roberto Volpi su questo giornale, i saggi di Chantal Delsol, Ida Magli e Roger Scruton, insomma di decadenza occidentale sono un discreto esperto e non ho bisogno di sentirmi ripetere continuamente che devo, dobbiamo, morire. Per tutti gli altri, per quelli che ancora non lo sanno o non lo hanno capito bene, sia ritenuto indispensabile.

Di più su questi argomenti:
  • Camillo Langone
  • Vive a Parma. Scrive sui giornali e pubblica libri: l'ultimo è "Eccellenti pittori. Gli artisti italiani di oggi da conoscere, ammirare e collezionare" (Marsilio).