cerca

Patrioti con le eccellenze degli altri

L’Italia pullula di prodotti enogastronomici magnifici: ma dove sono gli italiani?

8 Novembre 2018 alle 06:15

Patrioti con le eccellenze degli altri

A Lodi trovo moltissimi lodigiani che snobbano il loro Pannerone. Foto di Marco via Flickr

Prima gli italiani, giusto, ma se gli italiani vogliono assolutamente essere secondi? Dove sono finiti gli italiani orgogliosi, bramosi di primeggiare? Io batto l’Italia e non li trovo. A Parma trovo moltissimi parmigiani che snobbano il loro Lambrusco ossia il Lambrusco Maestri, che non è mai stato così buono (oggi uno dei migliori e più peculiari vini del mondo) ma è ancora troppo parmigiano per la loro voglia di indietreggiare e bere champagne qualunque. A Ferrara trovo moltissimi ferraresi che snobbano la loro Fortana frizzante, che non è mai stata così buona (anch’essa uno dei più peculiari vini del mondo) ma è ancora troppo ferrarese per la loro voglia di indietreggiare e bere mojito qualunque. A Lodi trovo moltissimi lodigiani che snobbano il loro Pannerone, che credo sia sempre stato così buono (uno dei migliori e più peculiari formaggi del mondo) e dunque è sempre troppo lodigiano per la loro voglia di indietreggiare e mangiare camembert qualunque. L’Italia pullula di prodotti enogastronomici magnifici: ma dove sono gli italiani? Le succitate delizie vengono vendute in Scandinavia o negli Stati Uniti o in Svizzera, quasi mai nei luoghi dove sono state inventate e perfezionate da un popolo geniale, evidentemente estinto. Il patriota solitario è una contraddizione in termini eppure è la mia condizione. Che la mia passione nazionale risulti meno lunare, che io riceva qualche smentita a questo mio ragionamento, oppure che trovi il coraggio di aderire agli Edonisti Senza Frontiere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    08 Novembre 2018 - 08:08

    Cqro Camillo, concordo pienamente con le tue osservazioni. Anch’io ho vissuto per un decennio a Parma e soltanto ora meglio conosco il Lambrusco Maestri, davvero molto buono anche a giudizio degli amici cui lo regalo, i quali come me vivono in una terra dove si producono vini meravigliosi ovunque apprezzati. Bere frequentemente e con gioia Lambrusco Maestri sul Cóllio mi pare pure un omaggio alle tue “preghiere”, oltre a chi lo produce molto meglio che in passato.

    Report

    Rispondi

Servizi