cerca

Siano vietati anche in Italia i cellulari a scuola

In estate, da quando ci sono gli smartphone, la vita a Parma è cambiata in peggio

1 Agosto 2018 alle 06:15

Siano vietati anche in Italia i cellulari a scuola

Foto Pixabay

Siano vietati anche in Italia i cellulari a scuola. La decisione francese di proibire questi dispositivi, annunciata da Macron, è finalizzata a preservare l’intelligenza dei giovani transalpini, ma pure i giovani cisalpini abbisognano di provvedimenti analoghi. E non soltanto i giovani. Quando i telefonini non c’erano, o quando li avevano in pochi e servivano solo per rare chiamate, a Parma in agosto si mangiava l’anguria sotto il torrione del Parco Ducale, il punto più fresco della città. Mangiare frutta sotto gli alberi, quanto di più intelligente. Adesso che tutti hanno in mano uno smartphone, a Parma in agosto si beve lo spritz in Strada Farini, il punto più caldo d’Italia. Bere alcol (cattivo) sopra un lastricato rovente, quanto di più stupido. I sindaci ci hanno messo del loro: Ubaldi cacciò l’anguriaio del torrione per presunti motivi di decoro, Pizzarotti consente ai localari di Strada Farini di ingombrare coi tavolini gran parte della sede stradale, intralciando finanche i mezzi di soccorso. Ma il fenomeno dell’estinzione del cocomero e dell’esplosione del beverone arancione è nazionale. Non sono sicuro che il senno sia stato risucchiato tutto dagli smartphone eppure una reazione va tentata. Siano vietati anche in Italia i cellulari a scuola, così magari un ragazzino che ha ripreso a usare il cervello dirà al padre che continua a ordinare spritz con trentotto gradi all’ombra: ma sei scemo? Perché non ti mangi una fetta?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Dario

    Dario

    01 Agosto 2018 - 15:03

    Vengo dalla patria dello spritz, il Veneto. Quando ero ragazzo lo spritz era semplicemente vino bianco allungato con acqua. Si beveva nel classico 'goto' da osteria. Non dava minimamente alla testa ed era dissetantissimo. Provare per credere. Il beverone attuale non lo reggo: mi si piazza nello stomaco e lì blocca tutto. Altro che aperitivo! Non riesco a vedere però chiaramente il collegamento tra lo smartphone, l'anguria e lo spritz, anche se così a istinto sarei d'accordo sulla richiesta di Langone.

    Report

    Rispondi

Servizi