cerca

L'idiozia è madre della fame

Se si insegnasse ancora a non sprecare niente, il raccolto dell’agricoltore-liberopensatore Giorgio Fidenato si sarebbe salvato

11 Luglio 2018 alle 06:18

L'idiozia è madre della fame

Foto via Pixabay

Da bambino venni educato a non sprecare niente, a non lasciare nulla nel piatto per rispetto verso chi pativa la fame. Pedagogia della scarpetta. Da grande lo Stato mi insegna, imponendomi di stipendiare le guardie forestali che distruggono i campi friulani di mais ogm, la superstizione ambientalista, nuovo instrumentum regni. Se l’Italia fosse ancora quella di mia nonna, che il mais lo chiamava granone, che stava attentissima a non perderne un chicco e che me lo serviva sotto forma di pannocchia bollita, il raccolto dell’agricoltore-liberopensatore Giorgio Fidenato si sarebbe salvato. Ma ormai l’Italia appartiene agli atei urbani che comprano bio. In Tobia si legge che “la pigrizia è madre della fame”. Altri tempi: adesso è l’idiozia. Perché la tecnica ha tante colpe (Heidegger e Severino me li sono studiati) ma almeno il merito di riempire le pance a poco prezzo. Laddove è scritto “ogm free” si legga “brain free”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    11 Luglio 2018 - 10:10

    Caro Camillo, la sinistra condanna gli interventi della scienza genetica sui vegetali ma promuove e santifica quelli sui nascituri umani, non più figli per legge o semplice presa d’atto amministrativa del concepimento naturale tra un padre e una madre. No al mais che nasce in laboratorio, si al bambino creato in provetta.

    Report

    Rispondi

    • mauro

      11 Luglio 2018 - 12:12

      Tanto, se i comunisti non mangiavano i bambini non li mangiano nemmeno i cattocomunisti e i progressisti assorti. Quindi, il principio di precauzione è rispettato.

      Report

      Rispondi

Servizi